Carlo Goldoni
Gli uccellatori

ATTO TERZO

SCENA PRIMA   Luogo campestre.   Il Marchese, poi Pierotto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO TERZO

 

 

 

SCENA PRIMA

 

Luogo campestre.

 

Il Marchese, poi Pierotto

 

MARC.

Pierotto ancor non vedo.

Non so quel ch’abbia fatto.

Ah, non vorrei

Che da lui fosse il cenno mio eseguito:

Del comando crudel son già pentito. (In atto di partire)

PIER.

Ehi. (chiamando il Marchese )

MARC.

Sei qui? (rivoltandosi)

PIER.

Sì, signore.

MARC.

Hai fatto?

PIER.

Dite piano.

(Qualche cosa vogl’io trargli di mano).

MARC.

Hai trovato Cecchino?

PIER.

L’ho trovato.

MARC.

E ben, che cosa fu?

PIER.

Eh! l’ho ammazzato.

MARC.

Come?

PIER.

Gli ho dato un colpo:

È morto sulla botta, e son venuto

Il danaro a pigliar ch’è convenuto.

MARC.

Ah perfido sicario,

Traditor mercenario! Il mio comando

Non dovevi eseguir. Pensar dovevi

Che bollivami allora in sen lo sdegno.

PIER.

Ma mi diceste pur...

MARC.

Vattene, indegno.

Pagherei cento doppie

Che non fosse il meschin di vita privo.

PIER.

Eh! si potrebbe dar ch’ei fosse vivo.

MARC.

Or vorresti ingannarmi.

PIER.

Oh, non signore.

Se vivo lo volete,

Vivo ritornerà.

(Ti ringrazio, fortuna). Eccolo qua.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License