Carlo Goldoni
L'uomo di mondo

ATTO PRIMO

SCENA QUATTORDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUATTORDICESIMA

 

Lucindo, Smeraldina, Truffaldino

 

SMER. Poveretto, i l'ha fatto star de fora quel che sta ben28!

LUC. Credevo non mi voleste più in vostra casa.

TRUFF. El gh'ha del strolego sior Lucindo.

LUC. È dunque vero che non mi volete?

SMER. Chi dise sta cossa? me maraveggio. Sior Lucindo? el xe paron, e vu no ve ne stè a impazzar. (a Truffaldino)

TRUFF. Tutto el zorno el vien qua, e no se pol descorer dei so interessi.

LUC. Avete qualche affare con vostra sorella? Fate pure i fatti vostri, io non vi do soggezione.

SMER. Eh gnente, caro fio29, lasselo dir, che el xe matto.

TRUFF. Gierimo qua che discorrevimo tra de nu, come che avemo da far sta mattina a comprar da disnar; né mi, né mia sorella no gh'avemo un soldo.

LUC. (L'intendo il briccone, ma io non ho niente da dargli) (da sé).

SMER. Lassè che el diga, no ghe badè. Per grazia del cielo e de le mie fadighe, el nostro bisognetto el gh'avemo.

TRUFF. Via donca, dame d'andar a spender.

SMER. Vustu taser, tocco de desgrazià?

TRUFF. Vedela, sior? no la ghe n'ha un per la rabbia, e no la se degna de domandar. Mi mo son un omo tutto pien de umiltà: me favorissela mezo ducato in prestio, che ghe lo restituirò quando che me marido?

LUC. Ve lo darei volentieri, ma in tasca non ne ho presentemente.

TRUFF. No gh'avè bezzi in scarsela? e vegnì in casa dei galantomeni senza bezzi in scarsela?

SMER. Voleu taser, o voleu che ve serra fora de la porta? (a Truffaldino)

LUC. Caro amico, compatitemi; sapete che sono un figlio di famiglia.

TRUFF. I fioli de fameggia no i va in te le case de le putte con sta libertà. Con che intenzion vegniu da me sorella, patron?

SMER. Debotto ti me fa andar zo co fa Chiara matta30.

TRUFF. Tasè, siora, che mi son el fradello, e a mi me tocca a defender la reputazion de la casa.

LUC. Io non intendo pregiudicarvi.

TRUFF. La se contenta de andar via de qua.

LUC. Così mi scacciate?

SMER. E mi voggio che el staga qua.

TRUFF. Se no l'anderà per la porta, el butterò zo dei balconi.

LUC. Soffro le vostre insolenze per rispetto di Smeraldina.

SMER. Sì, caro fio, soffrilo per amor mio.

TRUFF. Comando mi in sta casa.

LUC. Mi scacciate perché non ho denari in tasca; ma può essere che io ne abbia, e non voglia averne.

TRUFF. Sior Lucindo, mi son un galantomo. Do bone parole me quieta subito. Lo gh'averavela sto mezo ducato?

LUC. Vi torno a dire, non l'ho.

TRUFF. E mi ve torno a dir, che mia sorella l'è una putta da maridar, e no se vien a farghe perder le so fortune.

SMER. Lassè che el diga. Vegnighe, che paron.

LUC. Quando Smeraldina è contenta...

TRUFF. Se ela l'è contenta, mi no son contento. Animo, fora de sta casa.

LUC. Voi mi volete precipitare.

SMER. No femo strepiti, che se sussurerà la contrada.

LUC. Me ne anderò dunque.

SMER. (Andè, e tornerè co no ghe sarà più mio fradello). (piano a Lucindo)

TRUFF. Coss'eli sti secreti? Vôi saver anca mi.

LUC. Vado via dunque.

TRUFF. A bon viazo.

LUC. Addio, cara. (piano a Smeraldina, prendendole la mano)

TRUFF. Zoso quelle man, che le putte no le se tocca.

LUC. Se non fosse per Smeraldina... Basta... è meglio ch'io me ne vada. (parte)

 

 

 





p. -
28 Frase che vuol dire moltissimo.



29 Modo di dire affettuoso.



30 Pazza, nota in Venezia, che soleva strillare per le strade.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License