Carlo Goldoni
L'uomo di mondo

ATTO SECONDO

SCENA DECIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Il Dottore solo, poi Silvio e Brighella

 

DOTT. Amico, amico, sentite... Come! mio figlio va in casa di sua sorella? L'amoreggia? Parla di sposarla? A tempo costui mi ha avvertito. Ci troverò rimedio. Povero disgraziato! in casa di una ballerina? Starebbe fresco; non basta in un anno quello che io ho guadagnato in dieci.

BRIGH. Eccola , quello l'è el sior Dottor che la cerca. (a Silvio)

SILV. Vi ringrazio; non occorre altro. (a Brighella)

BRIGH. Servitor umilissimo. Vado a parecchiar el disnar.

DOTT. Come si precipita la gioventù! Ma sarà mio pensiere...

SILV. Servitor, mio signore. (al Dottore)

DOTT. Servitor umilissimo.

SILV. Favorisca vedere se questa lettera viene a lei. (dandogli una lettera)

DOTT. Per appunto. Viene a me. Permetta ch'io veda. (apre e legge) Ella dunque è il signor Silvio Aretusi romano?

SILV. Per obbedirla.

DOTT. E la sua signora dov'è?

SILV. Nella locanda, ove siamo alloggiati, da messer Brighella.

DOTT. L'amico mi raccomanda lor signori, ed io li prego venir in casa mia, ove staranno un po' meglio forse di quel che stiano nella locanda.

SILV. Signore, io non intendo d'incomodarvi.

DOTT. Assolutamente V.S. mi ha da far questo piacere.

SILV. Per oggi almeno abbiamo gente a desinare con noi.

DOTT. Bene, dunque verrò con Eleonora, mia figlia e vostra serva, a far una visita alla signora vostra, e questa sera favorirete da noi.

SILV. Troppo gentile, signore. Verrò io a fare il mio dovere colla signora vostra figliuola.

DOTT. Se volete passare, siete padrone.

SILV. Verrò a conoscere una mia padrona. (partono)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License