Carlo Goldoni
L'uomo di mondo

ATTO TERZO

SCENA QUARTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Il Dottore di casa e detti

 

DOTT. Che cosa c'è? Signor Momolo, con chi l'avete?

MOM. La gh'ho con quel poco de bon.

DOTT. Che cosa vi ha egli fatto?

MOM. Gnente, gnente.

LUD. Adessadesso ve svergogno in fazza de tutto el mondo.

MOM. Mi no fazzo cosse che m'abbia da far vergognar. Sior sì, son in caso d'aver bisogno de mille ducati; ghe l'ho ditto a costù, el me li ha trovai con un stocco de sta natura, che de mille ducati ghe ne aveva a pena tresento. Un omo d'onor ste cosse nol le pol sopportar.

DOTT. Meriterebbero la galera questi sicari della povera gioventù.

LUD. Basta, arecordeve i mi trenta zecchini.

MOM. Son galantomo, doman ve li farò aver forsi a casa; ma andè via subito.

LUD. Benissimo; tornè da mi, che ve servirò pulito.

MOM. No ve indubitè, che no ghe torno più, compare.

LUD. (Za sta roba che Momolo no ha volesto, troverò qualcun altro che la torrà. Dei desperai ghe n'è sempre). (da sé, e parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License