Carlo Goldoni
L'uomo di mondo

ATTO TERZO

SCENA SETTIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Truffaldino e detti

 

TRUFF. Patroni, bon pro ghe fazza.

LUC. L'ho detto.

SMER. Chi v'ha averto la porta?

TRUFF. L'ho averta mi.

SMER. Senza chiave? Come aveu fatto?

TRUFF. Ho cazzà la spada in te la sfesa della porta. Ho alzà el saltarello66 e ho averto, patrona.

SMER. Caspita, donca bisogna che fazza giustar la porta. Me arecordo che una volta anca sior Momolo ha averto cussì. Voggio dar el caenazzo.

TRUFF. La diga, cara madama, chi gh'ha insegnà la maniera de trattar?

SMER. E cussì? cossa diressi? Sior Lucindo ha portà una cenetta, e se la magnemo.

LUC. Compatite se mi sono presa una tal libertà.

TRUFF. No me lamento che abbiè portà la cena; me maraveggio che se magna senza de mi.

SMER. Via, sentève, e magnè anca vu.

LUC. Caro amico, non vi prendete collera.

TRUFF. Co vegnirè co ste bone maniere, no dirò gnente. patron de casa a tutte le ore. Animo, che se magna, che se beva, e che se staga allegramente.

SMER. Mio fradello po, el xe de bon cuor.

TRUFF. Co se tratta de ste cosse, ghe stago. (si mette a mangiare)

 

 

 





p. -
66 Saliscendi.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License