Carlo Goldoni
L'uomo di mondo

ATTO TERZO

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Momolo e Smeraldina

 

SMER. Bravo; avè fatto ben. (a Momolo) (Za gh'ho speranza che el torna). (da sé)

MOM. Vedeu se so far? Ho visto che Lucindo ve vegniva a insolentar, che no lo podè veder, che ve preme el vostro Momolo, e ho trovà la maniera de cazzarlo via. (Ti te inganni, se ti credi che no te cognossa.) (da sé)

SMER. Sto ballarin l'aveu gnancora trovà?

MOM. Ho parlà con diversi, ma tutti m'ha dito che butterè via el tempo, che spenderemo dei bezzi e no faremo gnente.

SMER. Per cossa?

MOM. Perché per prencipiar a imparar a ballar, ghe vol zoventù, e vu gh'averè i ossi duri.

SMER. Vardè che sesti! Songio qualche vecchia? no gh'ho gnancora disdott'anni.

MOM. Colla fodra.

SMER. De botto me fe vegnir suso el mio mal.

MOM. No, cara colonna, no ve instizzè, che vegnirè verde.

SMER. Se no imparo a ballar, cossa donca voleu che fazza? Imparerò a cantar.

MOM. Pezo; a ora che abbiè imparà, vegnì in età de desmetter.

SMER. Ma cossa faroggio donca?

MOM. La lavandera.

SMER. Adesso vedo el ben che me volè. Cussì se burla le putte?

MOM. Povera innocentina!

SMER. Per causa vostra ho lassà andar tante bone occasion.

MOM. Me despiase dasseno, ma no posso pianzer.

SMER. Co vegnì per burlar, andè via de sta casa, e no ghe stè più a vegnir.

MOM. Sì, fia, anderò. No ve scaldè el sangue.

SMER. Tante promesse che m'avè fatto, e cussì me ingannè?

MOM. Me par fin adesso d'aver fatto el mio debito, da galantomo.

SMER. Eh, caro sior Momolo, credeu che no cognossa da cossa vien sta muanza? semo larghi de bocca, e stretti de borsa. Ma no poderè dir, che in casa mia v'abbiè rovinà.

MOM. Mi no digo sta cossa.

SMER. Cossa aveu speso da mi? delle freddure che me vergogno. Dov'ele ste ricchezze che m'avè promesso?

MOM. Ho fatto quel che ho podesto, e se avessi avù giudizio, averave fatto de più.

SMER. Eh caro sior, i xe tutti pretesti.

MOM. Tutto quel che volè.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License