Carlo Goldoni
Il vecchio bizzarro

ATTO PRIMO

SCENA OTTAVA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Traccagnino con acqua, e detti.

 

TRACC. Son qua coll'acqua.

PANT. Da cossa far?

CEL. Da bevere per me.

PANT. Eh, che l'acqua imarzisce i pali. Gh'aveu vin de Cipro in casa?

CEL. Ne ho; ma non ne beverei per tutto l'oro del mondo.

PANT. Se no ghe ne bevè vu, ghe ne bevo mi. Porta del vin de Cipro. (a Traccagnino)

TRACC. Questo l'intende meio del me patron. (parte)

CEL. L'acqua non volete ch'io la beva?

PANT. Sior no. Aspettè un poco.

CEL. (Si tocca il polso)

PANT. Velo col polso in man.

CEL. Non mi tocco niente io.

PANT. E cussì, vegnìu a disnar con nu?

CEL. Se non avessi paura che mi facesse male.

PANT. Lasseve governar da mi, no ve dubitè gnente.

CEL. Ma avvertite che voglio bever acqua.

PANT. Lasseve regolar da mi.

TRACC. Ecco qua el vin de Cipro. (Traccagnino torna con una bottiglia)

PANT. Lassè véder, e andè a bon viazo. (versa il vino nel bicchiere)

TRACC. De sto medicamento ghe ne vôi anca mi. (parte)

PANT. Se ve dasse sto gotto de vin, lo beveressi?

CEL. Io no.

PANT. E se ghe mettesse drento un secreto che gh'ho per el vostro mal, lo torressi?

CEL. Se fosse un medicamento, lo prenderei.

PANT. Aspettè; no vôi che vedè cossa che ghe metto. (Si volta, e finge mettere nel bicchiere qualche cosa, versando dell'altro vino)

CEL. (Si tocca il polso)

PANT. Bravo!

CEL. Mi pare di star peggio.

PANT. Tolè sto medicamento.

CEL. Mi farà bene?

PANT. Tolèlo sora de mi.

CEL. Lo prenderò. (beve)

PANT. Ve piaselo?

CEL. Non mi dispiace.

PANT. Ve par de star meggio?

CEL. Mi par di sì.

PANT. Toccheve el polso.

CEL. Va bene, è gagliardo.

PANT. Seu forte?

CEL. Fortissimo.

PANT. Vegnìu al Salvadego?

CEL. Verrò dove voi volete.

PANT. Andeve a vestir, che ve aspetto.

CEL. Vado subito. (parte, toccandosi il polso)

PANT. E tocca!

CEL. Son forte, e non ho paura.

PANT. Coss'è sta paura? De cossa gh'aveu paura? De morir? Una volta per omo tocca a tutti.

CEL. Oimè! (si tocca il polso, e sputa)

PANT. Se farè cussì, deventerè matto.

CEL. Per del cielo, non mi parlate di malinconia. Quando sento discorrere di queste cose, mi vengono le convulsioni.

PANT. Cossa xe ste convulsion? Adesso tutti patisse le convulsion. I miedeghi dopo tanti anni i ha trovà un termine che abbrazza un'infinità de mali, e cussì i la indivina più facilmente. Quel che rovina i omeni xe la maniera del viver che se usa presentemente. Mi seguito el stil antigo, e grazie al cielo, no patissorane, né convulsion. La cioccolata e el caffè le xe cosse che insporca el stomego. Do soldetti de malvasia garba xe la mia marendina. Pacchiughi de cuoghi mi no ghe ne magno. Magno roba bona, roba schietta, roba che cognosso e che no me fa mal. Questa xe la maniera de viver un pezzo, e de viver sani. Vu ai vostri zorni avè disordinà; e se no gh'averè giudizio, creperè.

CEL. (Sputa, si tasta il polso, e parte )

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License