Carlo Goldoni
Il vecchio bizzarro

ATTO PRIMO

SCENA DECIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Clarice ed il suddetto.

 

CLAR. Serva umilissima.

PANT. Patrona reverita.

CLAR. Non era qui il signor zio?

PANT. El giera qua. El se xe andà a vestir.

CLAR. Voleva dirgli una bella novità.

PANT. Pòssio saverla mi sta novità?

CLAR. O sì, signore. La novità è questa. Il signor Florindo vuol ritornare a Livorno con sua sorella.

PANT. Ghe despiase che sior Florindo vaga a Livorno?

CLAR. Mi dispiacerebbe per causa di sua sorella.

PANT. Per causa della sorella, o per causa del fradello?

CLAR. A me mi preme la sorella.

PANT. Ma la sorella senza del fradello no la pol star.

CLAR. Vorrei che restassero tutti due.

PANT. Védela se l'ho indivinada? Mi co vardo una donna in ti occhi, so subito cossa che la vol.

CLAR. Dice bene il proverbio: il diavolo ne sa, perché è vecchio.

PANT. Mi mo, védela, ghe ne so più del diavolo.

CLAR. Perché?

PANT. Perché el diavolo delle donne el se fida, e mi no ghe credo una maledetta.

CLAR. Non siete stato mai innamorato?

PANT. Mai in vita mia.

CLAR. Fino alla morte non si sa la sorte.

PANT. Chi gh'ha bon naso, cognosse i meloni.

CLAR. Eppure so che non vi dispiace il conversar colle donne.

PANT. Xe vero: le vardo coi occhi, ma no le vardo col cuor.

CLAR. Chi va al mulino, s'infarina, signore.

PANT. Chi gh'ha giudizio, con una scovoletta se netta.

CLAR. (Quanto pagherei, se mi riuscisse d'innamorar questo vecchio). (da sé)

PANT. (La xe furba: ma la va da galiotto a mariner). (da sé)

CLAR. Eppure siete ancora in istato di far fortuna.

PANT. Certo, che gnancora no ho perso la carta del navegar.

CLAR. Il vostro spirito fa vergogna ad un giovane di venti anni.

PANT. E de spirito, e de carne, son quel che giera de vinti anni.

CLAR. Si vede. Sarete stato il più bel giovane di questo mondo.

PANT. No digo per dir, ma co sto muso ghe n'ho fatto delle belle.

CLAR. E siete in grado di farne ancora.

PANT. Perché no? Un soldà veterano no recusa battaggia.

CLAR. Oh che caro signor Pantalone!

PANT. Qualche volta son caro, e qualche volta son a marcà.

CLAR. Io non ho capitali per comprare la vostra grazia.

PANT. Podemo contrattar.

CLAR. (Sta a vedere che il vecchietto ci casca). (da sé)

PANT. No se pol dir, de sto pan no ghe ne voggio magnar.

CLAR. In verità mi pare impossibile che non siate stato mai innamorato.

PANT. Perché mo ghe par impussibile?

CLAR. Perché avete un certo non so che di simpatico, di dolce, di manieroso, che mi fa credere diversamente.

PANT. Pol esser che sia, perché fin adesso no averò trovà gnente che me daga in tel genio.

CLAR. Siete ancora in tempo di ritrovarlo.

PANT. Fina alla morte no se sa la sorte.

CLAR. Che mai vi vorrebbe per contentare il genio del signor Pantalone?

PANT. Poche cosse, fia mia.

CLAR. Se foss'io la fortunata che le possedessi...

PANT. Ve degneressi de mi?

CLAR. Così voi foste di me contento.

PANT. A poco alla volta se giusteremo.

CLAR. (Il merlotto vien nella rete). (da sé)

PANT. (No ghe credo una maledetta). (da sé)

CLAR. Ah signor Pantalone! (sospirando)

PANT. Ah signora Clarice! (sospirando)

CLAR. Che vuol dire questo sospiro?

PANT. Lasso che la lo interpreta ella.

CLAR. Quasi, quasi... mi lusingherei.

PANT. Ma! chi va al molin, s'infarina.

CLAR. Ma con una spazzatina si netta.

PANT. Co la penetra, no se se spolvera.

CLAR. Vien gente. Ci rivedremo, signor Pantalone.

PANT. Se vederemo, e se parleremo.

CLAR. (La biscia beccherà il ciarlatano). (da sé, e parte)

PANT. (So el fatto mio. No ti me la ficchi). (da sé, e parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License