Carlo Goldoni
Il vecchio bizzarro

ATTO PRIMO

SCENA QUINDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINDICESIMA

 

Pantalone e Brighella.

 

PANT. Tocco de scarcavallo; se son vecchio, ti vederà cossa che son bon da far. T'ho pagà per salvar la reputazion a un galantomo; ma vôi che adesso ti me la paghi a mi.

BRIGH. La prego, signor, ghe li ha dadi veramente el mio patron quei denari?

PANT. A vu non ho da render sti conti.

BRIGH. Se la vol favorirme l'anello, ghe lo porterò al patron.

PANT. No, amigo, l'anello ghe lo darò mi.

BRIGH. Se se fida de mi el patron, la se pol fidar anca ella.

PANT. Mi me fido de tutti; ma sto anello ghe lo voggio dar mi.

BRIGH. Capisso tutto. La lo vol tegnir ella in pegno per i quaranta ducati. No la se fida de lu.

PANT. No xe vero gnente. Vu parlè mal e de mi, e del vostro patron. Conosso adesso che el fa mal se el se fida de vu, perché se capace de levarghe la reputazion, molto più sarè capace de custodir malamente la roba soa. Vu altri servitori le trombe che infama i patroni. Ve fe scrupolo qualche volta de robar do soldi, e non avè riguardo a infamarli colla vostra lengua. Zente ingrata, che offende o per malizia, o per ignoranza; nemighi del proprio pan, e traditori de chi v'ha fatto del ben.

BRIGH. Servitor umilissimo, mio patron. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License