Carlo Goldoni
Il vecchio bizzarro

ATTO SECONDO

SCENA TERZA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

PANTALONE e detti.

 

PANT. Alto, alto, patroni.

FLOR. Lasciateci battere.

PANT. Se le se vol batter, che le vaga fora de ste lagune. Qua no se fa ste cosse.

OTT. Signor Pantalone, ho da parlarvi.

PANT. Son qua per ella. Brighella m'ha dito...

FLOR. In altro tempo mi darete soddisfazione. (ad Ottavio)

OTT. Son pronto, quando volete.

PANT. Coss'è sta cossa? Coss'è sto negozio? Se porlo saver? Se ghe pol remediar? Songio bon mi de giustar sto pettegolezzo?

OTT. Sappiate, signor Pantalone...

PANT. La metta drento quella cantinella.

FLOR. Egli mi ha provocato...

PANT. Caro sior, la metta via la martina. (a Florindo)

OTT. Io farò giudice voi...

PANT. Arme in fodro.

FLOR. Non sarà vero ch'io mi lasci...

PANT. A monte le bulae. Mettè via quelle spade.

FLOR. Pretendereste forse....

PANT. Pretendo che no se fazza duelli, dove che ghe son mi. Disè le vostre rason. Son capace mi de giustarve; e a chi no sarà contento della mia decision, son qua mi a darghe soddisfazion.

OTT. La stima che ho di voi, mi fa sospendere ogni risentimento. (rimette la spada.)

PANT. Bravo. Pulito. E ella, patron? (a Florindo)

FLOR. Lo farò, perché son ragionevole. (rimette la spada)

PANT. Se pol saver cossa xe sta contesa?

OTT. Il signor Florindo ha detto a me temerario.

FLOR. Il signor Ottavio ha detto a me insolente.

PANT. Patta e pagai. Se tutte le partìe le xe de sto tenor niun gh'averà né da dar, né d'aver. Perché mo se xe vegnui a sta sorte de complimenti?

OTT. Mi vuol far da pedante.

FLOR. Pretende ch'io sia obbligato a secondare i suoi vizi.

OTT. Un amico che mi deve esser cognato, ricusa farmi un imprestito di cento zecchini.

PANT. Sentimo la rason.

FLOR. Chi presta denari ad un giocatore viziato, fomenta la sua passione.

PANT. Sior Ottavio, nol dise mal. (ad Ottavio)

OTT. Io non gli chiedo danari per giocare, ma per pagare i miei debiti.

PANT. Séntela? El parla da galantomo. (a Florindo);

FLOR. Non è vero, non li chiede...

PANT. Diseme, cari siori, non aveu da esser cugnai?

FLOR. Flaminia mia sorella, informata meglio del suo costume, non vuole aver che fare con lui.

OTT. Né io mi curo d'imparentarmi con personefastidiose.

PANT. Tra parenti anca in erba facilmente se impizza el sangue, e facilmente el se stua. Le donne qualche volta le xe causa de una lite, e qualche volta le fa far una pase. A monte tutto. Femo sto matrimonio, e lassemo che missier Cupido trionfa.

FLOR. Mia sorella dipende da me fino a un certo segno; ma nel caso di collocarla, non voglio usarle violenza.

PANT. Bravo. Fin qua ghe trovo del bon. La diga la verità, sior Ottavio, sta siora Flaminia ghe vorla ben?

OTT. Finora mi lusingai, che non mi vedesse di mal occhio.

PANT. Ghe parlerò mi. Colle donne no son stà mai sfortunà. Co giera zovene, le persuadeva per mi; adesso che son vecchio, me xe restà la rettorica, e ho perso affatto l'umanità.

FLOR. Ella è padrona di sé, ma io col signor Ottavio...

PANT. Ma vu col sior Ottavio avè da esser amici.

FLOR. Sarà impossibile. Ottavio è torbido, già ve l'ho detto.

PANT. No, sior Florindo, nol xe torbido, nol xe ustinà, come la crede. Tutti i omeni i gh'ha el so caldo. Gh'ha despiasso che un amigo, che un che ha da esser so cugnà, ghe nega cento zecchini in prestio. Per i amici se fa quel che se pol. Mi tanto stimeria a imprestar a un amigo sta borsa, dove ghe sarà dusento zecchini in circa, come spuar per terra. Co se xe seguri de aver i so bezzi, no se pol far manco servizio de questo. E despiase a un galantomo sentirse dir de no. La me perdona, sior Florindo, l'ha fatto mal.

OTT. Certamente mi è un poco rincresciuto sentirmi negar in faccia un piacere dal signor Florindo.

PANT. Per altro po con ello no gh'avè gnente, no gh'avè inimicizia, pronto a tornar quel che gieri.

OTT. Certamente.

PANT. E ve despiase d'averlo desgustà.

OTT. Ancora.

PANT. E saressi pronto a darghe ogni sodisfazion.

OTT. Lo farei.

PANT. Sentìu? Seu sodisfà? (a Florindo)

FLOR. Lo dice in una maniera...

PANT. Cossa voleu? Che el se butta in zenocchion? L'ha dito anca troppo. Se omo, v'ha da bastar. A monte tutto, e che se fazza sta pase.

FLOR. Ma come, signore?...

PANT. Come, come, ve dirò mi come. Qualchedun no saveria far una pase senza bever, o senza magnar. Mi mo vedeu? giusto le baruffe con una presa de tabacco. Anemo: gingè del serraggio. (offre del tabacco a tutti e due che lo prendono) La pase è fatta.

FLOR. Io, torno a dirvi, son ragionevole.

OTT. Né io senza ragione.

PANT. Che cade? La xe fatta, e no la se desfa. Vegnì qua. Deme la man. Amigo, e amici. (prende le mani di tutti due, e poi le unisce) Vegnirò po da siora Flaminia.

FLOR. Ella vi attenderà con piacere. È bellissimo il carattere di Pantalone, amico della pace, onorato e gioviale. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License