Carlo Goldoni
Il vecchio bizzarro

ATTO TERZO

SCENA DECIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Brighella con lanterna accesa, e Pantalone.

 

BRIGH. Oh sior Pantalon, ela ella?

PANT. Stuè quel feral.

BRIGH. Gh'ho da parlar, gh'ho da dar una polizza.

PANT. Stuè quel feral, ve digo.

BRIGH. Ma no se ghe vede...

PANT. Lo stuerò mi. ( un calcio alla lanterna, e gliela getta di mano)

BRIGH. Obbligatissimo.

PANT. Parlè a pian. Cossa voleu?

BRIGH. Ho da darghe una polizza del me patron.

PANT. Cossa vorlo da mi sior Ottavio. Me mandelo i mi quaranta ducati?

BRIGH. Credo anzi, che el ghe ne voia dei altri.

PANT. Andè a bon viazo, compare. Da mi no se vien a oselar i merlotti.

BRIGH. Ma la senta sta polizza.

PANT. Quando l'alo scritta?

BRIGH. Adesso, in sto momento.

PANT. No xe mezz'ora che l'ha parlà co mi.

BRIGH. E dopo l'ha scritto sto viglietto.

PANT. qua; lassè véder.

BRIGH. Védela? Se avesse la lanterna che la m'ha morzà...

PANT. Gnente, ghe xe el bisogno. Seu omo da vardarme la schena?

BRIGH. Ala qualche nemigo?

PANT. Ghe xe dei baroni. Stè attento se vien nissun, e avviseme. (apre la lanterna)

BRIGH. (No vorria entrar in qualche impegno. Dall'altra parte me preme anca mi sti danari). (da sé)

PANT. (Legge) Signor Pantalone riveritissimo. Dovendo domani partir per Livorno per accomodare gli affari miei, sono in necessità di danaro. Vorrei disfarmi del mio anello che ha vossignoria nelle mani; perciò la prego, se fa per lei, darmi il restante del prezzo, e se non lo vuole per sé procurarne la vendita sollecitamente. A me è costato dugento zecchini; ma lo stato in cui mi ritrovo, mi obbliga a darlo per meno. A lei mi rimetto, essendo certo della sua onoratezza, assicurandola che, in caso tale, il di lei soccorso può contribuire alla mia quiete ed alla mia riputazione. Attendo la risposta con impazienza alla spezieria del Satiro, e riverendola sono. Poverazzo! el me fa anca peccà.

BRIGH. Ala letto?

PANT. Ho letto. (serra la lanterna)

BRIGH. Cossa disela? Lo porla consolar?

PANT. Sentì, missier Brighella, mi son uno che per gonzo non vôi passar. Fazzo servizio, co posso, basta che no i me vegna con dei partii. Se sior Ottavio vol a Livorno, se el gh'ha bisogno dasseno per i fatti soi, e no per zogar, son un galantomo, lo servirò. L'anello l'ho fatto véder, l'ho fatto stimar. Tutti lo considera de sotto dei cento e cinquanta zecchini. Ma a chi stima, no ghe dol la testa. Andè , andè dal vostro paron, diseghe che, se l'è contento, ghe ne darò cento e settanta. Comprerò mi l'anello per farghe servizio, e perché nol creda che voggia far negozio sul so bisogno, diseghe che el vaga a Livorno, che el fazza i fatti soi: tegnirò l'anello sie mesi, un anno, e senza nissun interesse; e col me darà i mi bezzi, ghe darò la so zoggia indrio.

BRIGH. Questo l'è un trattar da gran signor, da par soo.

PANT. No son un gran signor, ma son un galantomo. Son chi son.

BRIGH. Caro sior Pantalon...

PANT. Andè via, no perdè più tempo. Adessadesso sarò anca mi.

BRIGH. Vago subito. Ma no ghe vedo.

PANT. Aspettè, che ve farò luse. (apre la lanterna)

BRIGH. No vorave...

PANT. Andè via de qua, ve digo.

BRIGH. (Anderò da st'altra banda). (da sé, e parte)

PANT. Ho paura che i passa la mezza dozzena. (fischia)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License