Carlo Goldoni
Il vecchio bizzarro

ATTO TERZO

SCENA SEDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SEDICESIMA

 

Pantalone e detti.

 

PANT. Con buona grazia, son qua. I m'ha dito che sior Celio me cerca. Patroni reveriti.

CEL. Sì, caro amico. Sono io che vi cerca, perché ho bisogno di voi.

FLOR. Anch'io ho da parlarvi, signor Pantalone.

PANT. Son qua per tutti. E elle comandele gnente da mi? (a Flaminia e Clarice)

CLAR. La signora Flaminia vorrebbe qualche cosa.

PANT. La comandi, patrona. (a Flaminia)

FLOR. La signora Flaminia vorrebbe sapere, se voi prendete spasso di lei.

PANT. Per cossa me disela sto tanto, patron?

FLOR. Che cosa avete voi detto a me tre ore sono, in proposito di mia sorella?

PANT. Ho resposo a quel che vu m'avè dito.

FLOR. Io vi ho detto, ch'ella desiderava di maritarsi in Venezia.

PANT. E mi ho resposo, che saria fortunà quell'omo che ghe toccasse.

FLOR. Ho soggiunto, che sarei contentissimo se voi foste quello.

PANT. Ho replicà, che no me chiamerave degno de sta fortuna.

FLOR. Ed io ho promesso di parlare con lei.

PANT. E mi ho mostrà desiderio de sentir la risposta.

FLOR. Che dice ora il signor Celio, che si tratta l'accasamento fra voi e la signora Clarice?

PANT. Se el se tratta, ho da saverlo anca mi.

CEL. Non v'ho io detto, che mia nipote ha qualche inclinazione per voi?

PANT. Xe vero; e mi cossa v'oggio resposo?

CEL. Avete parlato con della stima di lei.

PANT. I omeni civili no desprezza nissun. Ma za che semo alle strette, parlemo schietto, e spieghemose un poco meggio. Mi veramente son arrivà a sta età senza maridarme, perché m'ha piasso la mia libertà, e la vita che me piaseva de far, no la giera troppo comoda per una muggier. Adesso son in ti anni. Me xe morto do sorelle, che me serviva de compagnia; me governo, vago a casa a bonora; e se me capitasse una bona occasion, fursi fursi faria in vecchiezza quello che in zoventù non ho volesto far. In sta casa per altro non son vegnù co sto fin. Colla siora Clarice ho parlà a caso, co siora Flaminia ho parlà per el sior Ottavio. Tutte do le se ha cavà spasso de mi, le m'ha tolto per man. Ho secondà el lazo, e ho resposo a tutte do de trionfo. Co sior Celio e co sior Florindo ho parlà con respetto, con un poco de accortezza, ma senza gnente impegnarme. Son un galantomo; se le mie parole se pol intaccar, son pronto a dar sodisfazion a chi vuol. Ma le sappia ste do patrone, che son a casa anca mi, che dalle donne no m'ho lassà mai minchionar, che con chi dise dasseno son capace de dir dasseno anca mi, e con chi se diletta de minchionar, cognosso el tempo, e so responder da cortesan.

FLOR. Che dite voi, signora sorella?

FLA. Dirò...

CLAR. Risponderò prima io, signore.

PANT. Avanti che le responda, le me permetta che ghe diga altre quattro parole. Se qualcheduna intendesse de dir dasseno, e se con una de elle avesse la sorte de compagnarme, xe giusto che avanti tratto ghe diga la mia intenzion. In casa mia se vive alla vecchia; le donne le ha da star a casa, le xe fatte per star a casa, e no per andar tutto el zorno a rondon. El carneval una volta all'opera, una volta alla commedia, e po basta. Anca se le volesse ballar, se unisse el parentà, e con un per de orbi se balla. Ho praticà el mondo; so quel che nasce, quel che succede; no digo de più, perché no me vorave far strapazzar. Mi l'intendo cussì. Alla vecchia se fa cussì. Chi ghe comoda, me responda; e chi no ghe comoda, se ne vaga a trovar de meggio.

FLOR. Che dice la signora sorella?

FLA. Per me risponderò...

CLAR. Perdonatemi, voglio prima risponder io.

CEL. Sì, nipote, dite voi la vostra savia intenzione.

PANT. (Cussì scoverziremo terren). (da sé)

CLAR. Rispondo dunque, e dico, che il signor marito alla vecchia non è fatto per una giovine alla moderna. Che a questo patto non isposerei un re di corona. (parte)

CEL. Venite qua, sentite.

PANT. Adesso cognosso che la me burlava.

CEL. Costei vuol essere la mia morte. (sputa)

PANT. Cossa dise siora Flaminia?

FLA. Io, signore, che non vi ho mai burlato, ma che sempre ho avuto per voi della stima e della venerazione, vi dico e vi protesto, che mi chiamerei fortunata se vi degnaste di me, e mi trovereste rassegnatissima al vostro genio, al vostro savio costume.

PANT. Adesso cognosso che la me diseva dasseno.

FLOR. Mia sorella ha diecimila ducati di dote.

PANT. E mi gh'ho tanto da poderghela sigurar.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License