Carlo Goldoni
Il vecchio bizzarro

ATTO TERZO

SCENA DICIASSETTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIASSETTESIMA

 

Argentina e detti.

 

ARG. Signori, è qui il signor Ottavio, che vorrebbe passare.

FLA. Io non lo voglio vedere.

PANT. La se ferma. La lassa che el vegna, e no la gh'abbia suggizion. Con licenza de sior Celio, diseghe che el vegna avanti.

ARG. Che ha la signora Clarice, ch'è venuta di ridendo?

PANT. La gh'ha le gattorìgole in tel cervello.

FLOR. Non crederei che Ottavio potesse pretendere...

PANT. Sior Ottavio el va via domattina.

FLOR. Se non ha denari.

PANT. El gh'ha più de cento zecchini. Lo so de seguro.

FLOR. Come li ha fatti?

PANT. I ghe sarà vegnui da Livorno. (No vôi far saver che ghe li ho dai mi). (da sé)

CEL. Caro signor Pantalone, non mi abbandonate per carità.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License