Carlo Goldoni
La vedova scaltra

ATTO PRIMO

Scena Sesta. Rosaura, poi Milord

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Sesta. Rosaura, poi Milord

 

Ros. Se Milord avrà per me de’ sentimenti convenevoli al mio carattere, non ricuserò d’ammetterlo alla mia conversazione. E forse col tempo ... Ma eccolo che viene.

Mil. Madama.

Ros. Milord vi son serva.

Mil. Perché‚ non vi siete compiaciuta di ricever questo picciol anello?

Mi diceste iersera che vi piaceva.

Ros. Tutto quello che piace, non è lecito di conseguire.

Mil. Anzi si desidera quello che piace.

Ros. Desiderare e prendere non è il medesimo.

Mil. Madama, non replicherò per rispettare le vostre proposizioni.

Ros. Accomodatevi.

Mil. Tocca a voi.

Ros. Favorite.

Mil. Non mi tormentate con cerimonie. (siedono)

Ros. Come avete riposato bene il resto della notte?

Mil. Poco.

Ros. Vi piacque il festino di iersera?

Mil. Molto

Ros. Vi erano delle belle donne?

Mil. Sì, belle.

Ros. Milord, qual più vi piace fra quelle che si potevan dir belle?

Mil. Voi, madama.

Ros. Oh, volete scherzare?

Mil. Credete, lo dico di cuore.

Ros. Io non merito una distinzionegenerosa.

Mil. Meritate molto, e non vi degnate di accettar poco.

Ros. Non accetto, per non esser obbligata a concedere.

Mil. Io non pretendo nulla da voi. Se prendete l’anello, mi fate piacere; se l’aggradite, son soddisfatto.

Ros. Quando è così, non voglio usare atto villano con ricusare le vostre grazie.

Mil. Prendete (si cava l’anello e lo a Rosaura)

Ros. Vi ringrazierei, se non temessi di dispiacervi.

Mil. Se parlate, mi fate torto.


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License