Carlo Goldoni
La vedova scaltra

ATTO PRIMO

Scena Settima. Marionette, con due chicchere di cioccolata sulla guantiera, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Settima. Marionette, con due chicchere di cioccolata sulla guantiera, e detti

 

Ros. Ecco la cioccolata.

Mil. (prende la tazza e la a Rosaura) Madama.

Ros. (Che stile laconico!) (beve)

Mil. (bevendo) Marionette, tu sei Francese?

Mar. Sì, signore. (fa una riverenza)

Mil. Madama dee servirsi con attenzione.

Ros. Fo quel ch’io posso.

Mil. (rimette la tazza sulla guantiera e sotto vi pone una moneta)

Mar. (guardandola, da sé) (Questa è per me. Una doppia!)

Ros. Prendi. (rimette la tazza e Marionette vede l’anello)

Mar. (piano a Rosaura) (Mi rallegro dell’anello).

Ros. (piano a Marionette) (Sta cheta.)

Mar. (Non parlo.) (porta via la guantiera)

Mil. Voi siete vedova non è così?

Ros. Lo sono, e se trovassi un buon partito, tornerei forse...

Mil. Io non ho intenzione di prender moglie.

Ros. Perché‚?

Mil. Mi piace la libertà.

Ros. E amore non vi molesta?

Mil. Amo quando vedo una donna amabile.

Ros. Ma il vostro è un amor passeggiero.

Mil. Che? Si deve amar sempre?

Ros. La costanza è il pregio del vero amante.

Mil. Costante finché‚ dura l’amore, e amante finché‚ è vicino l’oggetto.

Ros. Non vi capisco.

Mil. Mi spiegherò. Io amo voi, vi sarò fedele finché‚ vi amo, e vi amerò fino che mi sarete vicina.

Ros. Dunque, partito che sarete di Venezia, non vi ricorderete di me?

Mil. Che importa a voi ch’io vi ami in Londra, ch’io vi ami a Parigi? Il mio amore vi sarebbe inutile, ed io penerei senza frutto.

Ros. Qual frutto sperate, finché‚ mi siete vicino?

Mil. Vedervi ed essere ben veduto.

Ros. Siete un cavaliere discreto.

Mil. Una dama d’onore non fa sperare di più.

Ros. Siete adorabile.

Mil. Son tutto vostro.

Ros. Ma finché‚ state a Venezia.

Mil. Così penso.

Ros. (Che bell’umore!)

MIl. (Quanto mi piace!)

Mar. (torna) Signora, il signor Conte vorrebbe farvi una visita.

Ros. Il conte di Bosco Nero?

Mar. Per l’appunto.

Ros. Porta un’altra sedia e fàllo venire.

Mar. Obbedisco. (A questo geloso non casca mai nulla di mano.)

(porta la sedia e parte)

Mil. Madama, il Conte è vostro amante?

Ros. Vorrebbe esserlo.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License