Carlo Goldoni
La vedova scaltra

ATTO PRIMO

Scena Undicesima. Eleonora ed il Conte

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Undicesima. Eleonora ed il Conte

 

Ele. Signor Conte, siete rimasto molto sconsolato. Ma vostro danno; la maledetta gelosia è il flagello delle povere donne. Fa bene mia sorella a levarvi questa pazzia dal capo. In quanto a me, se mi toccasse un marito geloso, lo vorrei far morir disperato.

(parte)

Con. Come si può fare a non esser geloso? Amo una bella donna e la trovo a sedere accanto d’un altro. Oh! la conversazione è onesta e civile. Sarà non lo nego. Ma si comincia colla civiltà, e si termina colla tenerezza. Anch’io mi sono innamorato un poco alla volta. Sia maledetto chi ha introdotto il costume di questo modo di conversare.

(parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License