Carlo Goldoni
La vedova scaltra

ATTO PRIMO

Scena Sedicesima. Monsieur Le Blau e dette

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Sedicesima. Monsieur Le Blau e dette

 

Mon. Marionette, dorme madama?

Mar. No, signore, ma per ora non può.

Mon. Eh, se non dorme, dunque permetta ch’io avanzi. (entra nella camera)

Mar. (a Monsieur) Che avete fatto?

Ros. Signore, qui non si costumafrancamente...

Mon. (s’inginocchia) Eccomi ai vostri piedi a domandarvi perdono della mia impertinenza. Se avete bello il cuore, come bello è il vostro volto, spero non me lo saprete negare.

Mar. (Bravo Monsieur Le Blau!)

Ros. Alzatevi: l’error vostro non è sì grave, che v’abbiate a gettar ai piedi di chi non meritatenere umiliazioni.

Mon. Oh cielo! Le vostre parole mi hanno ricolmo il cuore di dolcezza.

Ros. (da sé) (Ancorché‚ vi sia un poco di caricatura, questa maniera obbliga infinitamente).

Mon. (a Marionette) (Marionette, di te non ho più bisogno; puoi andartene a far gli affari di camera).

Mar. Mi comanda, signora padrona?

Ros. Avanza due sedie...

Mar. Eccole. (a Monsieur) (Ricordatevi, Monsieur, del costume del nostro paese.)

Mon. (a Marionette) (Sì, i guanti per la cameriera. Vi saranno.)

Mar. (In quanto a questo poi, mi piace l’usanza inglese. Quel subito è la bella cosa).


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License