Carlo Goldoni
La vedova scaltra

ATTO SECONDO

Scena Nona. Eleonora, poi Marionette

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Nona. Eleonora, poi Marionette

 

Ele. È una gran lusinga quel dire sarò ricca, sarò padrona. Ma quell'esser vecchio il marito, non mi finisce. Marionette ti ho da dar una buona nuova. Son fatta sposa.

Mar. Me ne rallegro infinitamente; ma, s'è lecito, chi è lo sposo?

Ele. Il signor Pantalone.

Mar. E questa la chiamate una buona nuova? E ne siete allegra e contenta?

Ele. Perché no? Non è egli forse un buon partito?

Mar. Sì, per una vecchia di cinquant'anni, ma non per voi, che siete una giovanetta.

Ele. Anch'io pensava prima così; ma poi, in riguardo della sua ricchezza, l'esser vecchio mi pare che poco importi.

Mar. Importa moltissimo, importa tutto. Domandatelo a vostra sorella, che cosa voglia dire una giovane maritata ad un vecchio. Se fosse lecito il dirvi tutto, ve ne farei passare la voglia. Io non son vecchia, e dei mariti ne ho avuti tre, ma se dovessi rimaritarmi, io vorrei un giovinotto di primo pelo.

Ele. Certamente, se lo trovassi, anch'io non direi di no.

Mar. Per voi che siete una giovane di buon garbo, disinvolta e di spirito, vi vorrebbe per l'appunto un Francese.

Ele. Trovarlo un Francese, che mi volesse!

Mar. Eh, quando non volete altro, ve lo troverò io.

Ele. Ma oltre l'esser giovine, lo vorrei bello e ricco.

Mar. Di questi non ne mancano in Francia.

Ele. Dovrò io andare in Francia a maritarmi?

Mar. No, mia signora, in Venezia ne capitan tutto . Ce ne sarebbe uno a proposito, il quale mostra essere inclinato per vostra sorella, ed essa pare che poco gli corrisponda. Potrebbe darsi che si dichiarasse per voi.

Ele. Se ama mia sorella, non si curerà di me.

Mar. Eh, facilmente poi questi Parigini si cambiano. Con due sospiri lo fate cader in terra.

Ele. Tu me lo dipingi per incostante.

Mar. Che importa a voi? Quando siete maritata, vi basta.

Ele. E l'amor del marito?

Mar. Oh, ne sapete poco. Parliamo d'altro. Lo volete vedere questo Francese?

Ele. Lo vedrò volentieri.

Mar. Lasciate condurre l'affare a me. Già vostra sorella è perduta per ilo geloso, e non fa stima di verun altro: peggio per lei. Sarà la vostra fortuna. Un Francese! Oh che matrimonio felice!

Ele. Ma la parola che ho dato a mio padre di sposar il signor Pantalone?

Mar. Ditegli che avete cambiata opinione.

Ele. Mi chiamerà volubile.

Mar. Scusatevi con dir: son donna.

Ele. Mi sgriderà.

Mar. Lasciatelo dire.

Ele. Minaccerà.

Mar. Non vi spaventate.

Ele. Vorrà obbligarmi per forza.

Mar. La festa non si può fare senza di voi, battete sodo.

Ele. Ho paura di non resistere.

Mar. Lo dirò a vostra sorella; tutte due vi assisteremo.

Ele. Cara Marionette, mi raccomando.


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License