Carlo Goldoni
La vedova scaltra

ATTO SECONDO

Scena Diciottesima. Milord e il Conte

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Diciottesima. Milord e il Conte

 

Strada.

 

Con. Milord, quant'è che non siete stato da Madama Rosaura?

Mil. (passeggia e non risponde)

Con. Veramente è una donna di grande spirito. Merita le attenzioni dei personaggi più riguardevoli. Voi avete fatta un'ottima scelta. Confesso che avevo per lei qualche poco d'inclinazione; ma, dopo che ho veduto che vi siete per lei dichiarato, ho pensato di ritirarmi. (Ei non vuol parlare; non posso scoprir nulla.) Questa sarebbe l'ora opportuna di farle una visita. Quando io ci andavo, non perdevo questi preziosi momenti. Ma che diavolo! Siete mutolo? Non parlate? Che temperamento è il vostro? Da questa vostra serietà non capisco se siete allegro o malinconico.

Mil. Questo è quello che non capirete mai.

Con. Lode al cielo, che avete parlato. Approvo molto il vostro costume; questa credo possa dirsi la più fine politica; ma noi altri Italiani non abbiamo l'abilità di praticarla. Parliamo troppo.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License