Carlo Goldoni
La vedova scaltra

ATTO SECONDO

Scena Diciannovesima. Birif dalla parte di Milord, Foletto dalla parte del Conte, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Diciannovesima. Birif dalla parte di Milord, Foletto dalla parte del Conte, e detti

 

 Bir. Signore.

Fol. Illustrissimo. (Il Conte fa cenno a Foletto che non parli, ed egli gli la lettera)

Mil. (a Birif) Facesti?

Bir. (a Milord) Sì signore.

Mil. (a Birif) Aggradì?

Bir. (a Milord) Ringrazia.

Mil. Non occor'altro. (gli un borsellino con denari; Foletto osserva)

Bir. (fa una riverenza e parte)

Con. (fa cenno a Foletto che se ne vada. Egli stende la mano per la mancia. Il Conte lo scaccia)

Fol. (Bella Italia! Ma cattivo servire!)

Con. (Colui ha portato una risposta al Milord: dubito sia qualche ambasciata di Rosaura.) Amico, mi rallegro con voi. Ma! Così va a chi è fortunato. Le donne corrono dietro. Le ambasciate volano. Madama Rosaura...

Mil. Siete un pazzo.

Con. A me pazzo, viva il cielo! Si pentirà d'avermi ingiuriato. Risponderà all'invito della mia spada... Ma che dice la mia cara Rosaura? Mi consola o mi uccide? Leggiamo, qualunque sia, la sentenza dell'idol mio. (legge piano) Oh me felice! Oh cara Rosaura! Oh caratteri che mi rendete la pace al cuore! E fia vero che io sia degno dell'amor tuo, unico mio tesoro? Posso dunque sperar pietà? M'incoraggisci ad amarti, a serbarti fede? Sì, lo farò, mia cara, sì lo farò, non temere. Milord, no, non ti temo; ben dicesti ch'io ero pazzo a crederti amato, a temerti rivale. Io sono al possesso del di lei cuore. Rosaura sarà mia; lo bramo, lo spero, e questo foglio quasi quasi me ne assicura.

(parte)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License