Carlo Goldoni
La vedova scaltra

ATTO TERZO

Scena Diciottesima. Il Conte ed Arlecchino

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Diciottesima. Il Conte ed Arlecchino

 

Strada remota.

 

Con. Che cosa mi vai dicendo, che non t'intendo?

Arl. Digh cussì che la signora Rosaura ha mandà a invidar la locanda per la conversazion de stassera.

Con. Che diavolo dici! Ha mandata ad invitar la locanda?

Arl. Vogio dir...Sia maledetto! Una burla che ho fatto a uno Spagnuolo, m'ha fatto tanto ridere, che rido ancora e non so cossa che me diga.

Con. Hai forse fatto qualche scherzo a Don Alvaro?

Arl. Giusto a elo.

Con. E in che consiste?

Arl. Finzendo de portarghe un'ambassada della signora Rosaura...

Con. Dunque don Alvaro ha l'accesso della signora Rosaura?

Arl. Signor sì l'accesso, el secesso. E stassera l'è invidà anca lu alla conversazion della vedoa.

Con. Anch'egli? Ed io non son del numero degli invitati?

Arl. Padron sì; questo è quello che voleva dir dell'ambassada fatta alla locanda.

Con. Ora ho capito. La signora Rosaura questa sera darà una conversazione in sua casa ?

Arl. Signor sì.

Con. L'invito suo mi consola, ma temo di ritrovare nei convitati altrettanti rivali.

Arl. No ve dubitè gnente. Una donna de garbo sa soddisfar tutti senza difficoltà.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License