Carlo Goldoni
La vendemmia

PARTE SECONDA

SCENA SECONDA Fabrizio e dette

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

Fabrizio e dette.

 

CECC.

E ben, signor Fabrizio,

Siete voi sazio ancor?

FABR.

Non mi ricordo

D'esser mai stato sazio a' giorni miei.

Nuovamente a mangiar io tornerei.

ROS.

Signore, in fede mia,

Questa è una malattia.

FABR.

Cos'ho mangiato?

Tre tondini di zuppa,

Un piatto di frittura,

Due libre di vitella,

Un cappone bollito,

Un lombetto arrostito,

Un quarto di capretto,

Sei fette di presciutto,

Dodici beccafichi,

E mezza provatura.

Questa per il mio corpo è una freddura.

CECC.

Salute.

ROS.

Guarda il lupo.

FABR.

Ora mi pare

Mi venga un po' di sonno.

Vuò riposar, portatemi una sedia.

CECC.

Sì sì, farete bene. (Rosina accosta una sedia)

(Qualche burla a costui pensar conviene).

 

FABR.

Vieni, vieni, o sonno amato...

Ho mangiato ed ho bevuto. (sbavigliando)

Par che il sonno sia venuto,

E mi voglio riposar... (a poco a poco si va addormentando)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License