Carlo Goldoni
Il ventaglio

ATTO SECONDO

Scena Sesta. Giannina di casa, ed il Conte

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Sesta. Giannina di casa, ed il Conte

 

GIANNINA Oh via, il desinare è preparato, quando verrà quell'animale di Moracchio non griderà. Nessuno mi vede; è meglio che vada ora a portar il ventaglio alla signora Candida. Se posso darglielo senza che la zia se ne accorga glielo do; se no aspetterò un altro incontro.

CONTE Oh ecco Giannina. Ehi! quella giovine. (s'incammina al palazzino)

GIANNINA Signore. (dove si trova, voltandosi)

CONTE Una parola. (la chiama a sé)

GIANNINA Ci mancava quest'impiccio ora. (si avanza bel bello

CONTE (Non bisogna che io mi scordi di Coronato. Gli ho promesso la mia protezione, e la merita). (si alza e mette via il libro)

GIANNINA Son qui, cosa mi comanda?

CONTE Dove eravate indirizzata?

GIANNINA A fare i fatti miei, signore. (rusticamente)

CONTE Così mi rispondete? Con quest'audacia? con quest'impertinenza?

GIANNINA Come vuol ch'io parli? Parlo come so, come sono avezza a parlare. Parlo così con tutti, e nessuno mi ha detto che sono una impertinente.

CONTE Bisogna distinguere con chi si parla.

GIANNINA Oh io non so altro distinguere. Se vuol qualche cosa, me lo dica; se vuol divertirsi, io non ho tempo da perdere con vossignoria...

CONTE Illustrissima.

GIANNINA E eccellentissima ancora se vuole.

CONTE Venite qui.

GIANNINA Son qui.

CONTE Vi volete voi maritare?

GIANNINA Signor sì.

CONTE Brava, così mi piace.

GIANNINA Oh io quel che ho in core ho in bocca.

CONTE Volete che io vi mariti?

GIANNINA Signor no.

CONTE Come no?

GIANNINA Come no? perché no. Perché per maritarmi non ho bisogno di lei.

CONTE Non avete bisogno della mia protezione?

GIANNINA No in verità, niente affatto. (ridendo dolcemente)

CONTE Sapete voi quel che io posso in questo villaggio?

GIANNINA Potrà tutto in questo villaggio, ma non può niente nel mio matrimonio.

CONTE Non posso niente?

GIANNINA Niente in verità, niente affatto.

CONTE Voi siete innamorata in Crespino.

GIANNINA Oh, per me ha dello spirito che mi basta.

CONTE E lo preferite a quel galantuomo, a quell'uomo ricco, a quell'uomo di proposito di Coronato?

GIANNINA Oh, lo preferirei bene ad altri che a Coronato.

CONTE Lo preferireste a degli altri?

GIANNINA Se sapesse a chi lo preferirei! (ridendo, ed a moti si spiega per lui)

CONTE E a chi lo preferireste?

GIANNINA Cosa serve? non mi faccia parlare.

CONTE No, perché sareste capace di dire qualche insolenza.

GIANNINA Comanda altro da me?

CONTE Orsù io proteggo vostro fratello, vostro fratello ha dato parola per voi a Coronato, e voi dovete maritarvi con Coronato.

GIANNINA Vossignoria...

CONTE Illustrissima.

GIANNINA Vossignoria illustrissima protegge mio fratello?

CONTE Così è, sono impegnato.

GIANNINA E mio fratello ha dato parola a Coronato?

CONTE Sicuramente.

GIANNINA Oh, quando è così...

CONTE E bene?

GIANNINA Mio fratello sposerà Coronato.

CONTE Giuro al Cielo, Crespino non lo sposarete.

GIANNINA No? perché?

CONTE Lo farò mandar via di questo villaggio.

GIANNINA Anderò a cercarlo dove sarà.

CONTE Lo farò bastonare.

GIANNINA Oh in questo ci penserà lui.

CONTE Lo farò accoppare.

GIANNINA Questo mi dispiacerebbe veramente.

CONTE Cosa fareste s'egli fosse morto?

GIANNINA Non so.

CONTE Ne prendereste un altro?

GIANNINA Potrebbe darsi di sì.

CONTE Fate conto ch'egli sia morto.

GIANNINA Signor non soleggere, né scrivere, né far conti.

CONTE Impertinente!

GIANNINA Mi comanda altro?

CONTE Andate al diavolo.

GIANNINA M'insegni la strada.

CONTE Giuro al cielo, se non foste una donna!

GIANNINA Cosa mi farebbe?

CONTE Andate via di qua.

GIANNINA Subito l'obbedisco, e poi mi dirà ch'io non so le creanze. (s'incammina verso il palazzino)

CONTE Creanze, creanze! Va via senza salutare. (sdegnato dietro a Giannina)

GIANNINA Oh, perdoni. Serva di vossignoria...

CONTE Illustrissima. (sdegnato)

GIANNINA Illustrissima. (ridendo corre nel palazzino)

CONTE Rustica progenies nescit habere modum. (sdegnato) Non so cosa fare, se non vuol Coronato, io non la posso obbligare; non ha mancato da me. Cosa si è messo in capo colui di voler una moglie che non lo vuole! Mancano donne al mondo? Glie ne troverò una io. Una meglio di questa. Vedrà, vedrà l'effetto della mia protezione.


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License