Carlo Goldoni
Il ventaglio

ATTO SECONDO

Scena Quattordicesima. Coronato ch'esce dall'osteria, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quattordicesima. Coronato ch'esce dall'osteria, e detti

 

CORONATO Finalmente ho saputo il regalo che ha avuto la signora Giannina.

GIANNINA Cosa c'entrate con me voi?

CRESPINO Da chi ha avuto un regalo? (a Coronato)

CORONATO Dal signor Evaristo.

GIANNINA Non è vero niente.

CRESPINO Non è vero niente?

CORONATO Sì sì, e so che regalo è. (a Giannina)

GIANNINA Sia quel ch'esser si voglia, a voi non deve importare, io amo Crespino, e sarò moglie del mio Crespino.

CRESPINO E bene che regalo è? (a Coronato)

CORONATO Un ventaglio.

CRESPINO Un ventaglio? (a Giannina, in collera)

GIANNINA (Maladetto colui).

CRESPINO Avete ricevuto un ventaglio? (a Giannina)

GIANNINA Non è vero niente.

CORONATO Tanto è vero che lo avete ancora in saccoccia.

CRESPINO Voglio veder quel ventaglio.

GIANNINA Signor no. (a Crespino)

CORONATO Troverò io la maniera di farvelo metter fuori.

GIANNINA Siete un impertinente.


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License