Carlo Goldoni
Il ventaglio

ATTO TERZO

Scena Quinta. Il Conte alla finestra dell'osteria, e Limoncino [poi Giannina]

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quinta. Il Conte alla finestra dell'osteria, e Limoncino [poi Giannina]

 

CONTE Ho sentito la voce di Limoncino. Ehi quel giovane. (forte)

LIMONCINO Signore. (si volta)

CONTE Portateci due buoni caffè.

LIMONCINO Per chi, illustrissimo?

CONTE Per me.

LIMONCINO Tutti due per lei?

CONTE Uno per me, ed uno per il Barone del Cedro.

LIMONCINO Sarà servita.

CONTE Subito, e fatto a posta. (entra)

LIMONCINO (Ora che so che vi è il Barone che paga, glieli porterò). (s'incammina)

GIANNINA (di casa, senza la rocca) Ehi Limoncino.

LIMONCINO Anche voi volete seccarmi con questo nome di Limoncino?

GIANNINA Via via non andate in collera. Non vi ho dettorava, né zucca, né cocomero, né melenzana.

LIMONCINO Ne avete ancora?

GIANNINA Venite qui, ditemi: il signor Evaristo e ancor ?

LIMONCINO Dove ?

GIANNINA Da voi.

LIMONCINO Da noi?

GIANNINA Sì da voi. (si scalda un poco)

LIMONCINO La bottega è , se ci fosse lo vedreste.

GIANNINA Puh! nel giardino.

LIMONCINO Puh! non so niente. (via, ed entra in bottega)

GIANNINA Pezzo d'animalaccio! Se avessi la rocca gliela scavezzerei sul collo. E poi dicono ch'io son cattiva. Tutti mi strapazzano; tutti mi maltrattano. Quelle signore di , questa sguaiata di qua, Moracchio, Coronato, Crespino... Uh maledetti quanti che siete.


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License