Carlo Goldoni
Il ventaglio

ATTO TERZO

Scena Sesta. Evaristo dal caffè. Correndo con allegria, e detta [poi Coronato]

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Sesta. Evaristo dal caffè. Correndo con allegria, e detta [poi Coronato]

 

EVARISTO Oh eccola, eccola. Son fortunato. (a Giannina)

GIANNINA Ih! ih! Cosa vuol dir quest'allegria?

EVARISTO Oh Giannina, sono l'uomo il più felice, il più contento del mondo.

GIANNINA Bravo, me ne consolo. Spero che mi farete dare soddisfazione delle impertinenze che m'hanno detto.

EVARISTO Sì tutto quel volete. Sappiate, Giannina mia che voi eravate presa in sospetto. La signora Candida ha saputo ch'io aveva dato il ventaglio, credeva che lo avessi comprato per voi, era gelosa di me, era gelosa di voi.

GIANNINA Era gelosa di me?

EVARISTO Sì, certo.

GIANNINA Ah che ti venga la rabbia! (verso il palazzino)

EVARISTO Si voleva maritar con altri per sdegno, per vendetta, per disperazione. Mi ha veduto, è caduta, è svenuta. Sono stato un pezzo senza più poterla vedere. Finalmente per sorte, per fortuna sua zia è sortita di casa. Candida è discesa nel suo giardino; ho rotto la siepe, ho saltato il muro, mi son gettato a' suoi piedi; ho pianto, ho pregato, l'ho sincerata, l'ho vinta, è mia, è mia, non vi è più da temere. (con giubilo, e affannoso)

GIANNINA Me ne rallegro, me ne congratulo, me ne consolo. Sarà sua, sua sempre sua, ne ho piacer, ne ho contento, ne ho soddisfazione. (lo carica un poco)

EVARISTO Una sola condizione ella ha posto alla mia sicura, alla mia intera felicità.

GIANNINA E qual è questa condizione?

EVARISTO Per giustificare me intieramente, per giustificar voi nel medesimo tempo, e per dar a lei una giusta soddisfazione, è necessario, ch'io le presenti il ventaglio. (come sopra)

GIANNINA Ora stiamo bene.

EVARISTO Ci va del mio, e del vostro decoro. Parerebbe, ch'io l'avessi comprato per voi, si darebbe credito a' suoi sospetti. So che siete una giovane saggia, e prudente. Favoritemi quel ventaglio. (sempre con premura)

GIANNINA Signore... Io non l'ho più il ventaglio. (confusa)

EVARISTO Oh via, avete ragione. Ve l'ho donato, e non lo domanderei, se non mi trovassi in questa estrema necessità. Ve ne comprerò un altro. Un altro molto meglio di quello; ma per amor del cielo datemi subito quel che vi ho dato.

GIANNINA Ma vi dico signore, ch'io non l'ho più.

EVARISTO Giannina si tratta della mia vita, e della vostra riputazione.

GIANNINA Vi dico sull'onor mio, e con tutti i giuramenti del mondo che io non ho quel ventaglio.

EVARISTO Oh cielo! cosa dunque ne avete fatto? (con caldo)

GIANNINA Hanno saputo, ch'io aveva quel ventaglio, mi sono saltati intorno come tre cani arrabbiati...

EVARISTO Chi? (infuriato)

GIANNINA Mio fratello...

EVARISTO Moracchio... (corre a chiamrlo alla casa)

GIANNINA No fermate, non l'ha avuto Moracchio.

EVARISTO Ma chi dunque? (battendo i piedi)

GIANNINA Io l'ho dato a Crespino...

EVARISTO Ehi? Dove siete? Crespino! (corre alla bottega)

GIANNINA Ma venite qui, sentite...

EVARISTO Son fuor di me.

GIANNINA Non l'ha più Crespino.

EVARISTO Ma chi lo ha? Chi lo ha? Presto.

GIANNINA Lo ha quel birbante di Coronato.

EVARISTO Coronato? Subito. Coronato? (all'osteria)

CORONATO Signore.

EVARISTO Datemi quel ventaglio.

CORONATO Qual ventaglio?

GIANNINA Quello che avevo io, e ch'è robba sua.

EVARISTO Animo, subito, senza perder tempo.

CORONATO Signore, me ne dispiace infinitamente...

EVARISTO Che?

CORONATO Ma il ventaglio non si trova più.

EVARISTO Non si trova più?

CORONATO Per distrazione l'ho messo sopra una botte. L'ho lasciato , son andato, son ritornato, non l'ho trovato più, qualcheduno l'ha portato via.

EVARISTO Che si trovi.

CORONATO Dove? Ho fatto di tutto.

EVARISTO Dieci, venti, trenta zecchini lo potrebbero far ritrovare?

CORONATO Quando non c'è, non c'è.

EVARISTO Son disperato.

CORONATO Mi dispiace, ma non so cosa farle. (entra)

EVARISTO Voi siete la mia rovina, il mio precipizio. (contro Giannina)

GIANNINA Io? Che ci ho colpa io?


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License