Carlo Goldoni
La villeggiatura

ATTO SECONDO

SCENA DODICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Don Ciccio addormentato e legato; poi Don Riminaldo e Don Gasparo.

 

RIM. Caro amico, non vi offendete di questo. Sono galanterie.

GASP. Ma io queste contadinelle me le vado allevando... Chi è quello?

RIM. Don Ciccio.

GASP. Dorme?

RIM. Non volete ch'ei dorma? Ha mangiato e bevuto come un vero parassito.

GASP. Oh diavolo! chi l'ha legato?

RIM. Qualcheduno che si è preso spasso di lui.

GASP. Questa la godo da galantuomo. Bisognerebbe destarlo.

RIM. Se ci vede, crederà che siamo stati noi, e se n'averà a male. Sapete che lingua egli è.

GASP. Eh niente; sono burle che in villeggiatura si fanno. Aspettate; ora mi viene in mente di far la cosa più amena. Sapete tirar di spada voi?

RIM. Qualche poco.

GASP. Aspettatemi, che vengo subito. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License