Carlo Goldoni
La villeggiatura

ATTO TERZO

SCENA DODICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Donna Florida e Don Mauro.

 

FLO. Che cavaliere sgarbato! vi domando se sapete dove si trovi don Paoluccio, e mi rispondete con sì bella grazia?

MAU. Signora, con voi ho poca fortuna. Il dirvi che non lo so e non mi curo saperlo, non è risposta che vi possa offendere.

FLO. È una delle solite risposte vostre, ruvide ed incivili.

MAU. L'inciviltà posso assicurarmi di non averla né con voi, né con chi che sia. La ruvidezza poi è un difetto mio naturale, che se vi dispiace, potete disfarvene facilmente.

FLO. Fate conto che me ne sia disfatta.

MAU. Accetto per grazia la libertà che vi compiacete restituirmi.

FLO. Se vi premeva la libertà, chi vi ha tenuto in catene?

MAU. Il mio rispetto, signora.

FLO. Potevate ben conoscere dalla maniera mia di condurmi, che poco mi premeva della vostra amicizia.

MAU. È vero, l'ho conosciuto benissimo. Ciò non ostante, una volta che impegnato mi era a servirvi, mi vedeva in debito di soffrire, per non comparire incivile.

FLO. Che pensar ridicolo! Oh sì, se vi sentisse don Paoluccio riderebbe davvero!

MAU. Vi ringrazio della mercede con cui ricompensate la mia sofferenza.

FLO. Compatite la mia schiettezza. Vedo che avete dell'amore per me, ma io...

MAU. No, signora, v'ingannate; non ho un'immaginabile passione per voi. L'ho avuta a principio, quando meno vi conosceva; ma è qualche tempo che mi sono disingannato.

FLO. Ma perché seguitare a venir con me?

MAU. Per impegno d'onore.

FLO. E non per altro?

MAU. Non per altro.

FLO. E non penate un poco a lasciarmi?

MAU. Niente davvero; niente, signora mia, niente affatto.

FLO. Siete un simulatore dunque.

MAU. La mia simulazione derivò da un principio buono.

FLO. Da un principio stolido, dovevate dire.

MAU. Come comandate.

FLO. Ora dite così, perché vi piace lo spirito letterato della padrona di casa.

MAU. A voi non rendo conto de' miei pensieri.

FLO. Capperi! si è messo in gravità il signor don Mauro.

MAU. Non cambio temperamento. Sono il medesimo che sono stato.

FLO. Sì, è vero; sempre burbero ed accigliato.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License