Carlo Goldoni
La villeggiatura

ATTO TERZO

SCENA QUATTORDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUATTORDICESIMA

 

Donna Lavinia e detti.

 

LAV. Avete inteso, signori miei, la necessità in cui mi trovo di andar in città per le mie indisposizioni...

FLO. (Poverina!) (da sé)

LAV. Mio marito non vuole lasciarmi andar sola nello stato in cui mi ritrovo...

FLO. (Che tenerezza di sposo!) (da sé)

LAV. Non intendiamo per questo di disturbare la compagnia...

FLO. (C'intendiamo). (da sé)

LAV. Chi vuol restare, è padrone.

FLO. (Bel complimento!) (da sé)

LAV. Se il cielo mi darà presto la mia salute, ritorneremo anche noi..

FLO. (Potrebbe crepar davvero). (da sé)

LAV. Vi chiedo scusa di tal disordine; ma quando il male c'è, non si può dissimulare.

FLO. (Non si può fingere con più franchezza). (da sé)

PAOL. Dispiace a tutti l'incomodo che dice di soffrire donna Lavinia, quantunque la cera non lo dimostri. Ci sono dei mali interni, che non si credono se non da quei che li provano. Tutta volta sappiamo, che senza un giusto motivo donna Lavinia non fa una tale risoluzione; e per quello che sento dire da tutti, ciascheduno vuol avere il contento d'accompagnarvi.

FLO. Sì, donna Lavinia, il vostro male lo conosco benissimo. Sarete più quieta in città; risanerete più presto.

PAOL. Eppure l'allegria può essere il migliore vostro medicamento. Io certo procurerò divertirvi.

LAV. Il mio gravissimo dolor di capo non mi permetterà d'ascoltarvi. Voi non vi potrete adattar a tacere. Vi prego passar nell'altra carrozza.

FLO. Don Mauro tace assai volentieri; sarà una compagnia buonissima per il vostro bisogno.

MAU. Voi, signora, non fate che disporre di me, in tempo che avete rinunziato solennemente a quell'autorità che vi avevo concessa. (a donna Florida)

PAOL. Vi ha rinunziato donna Florida? (a don Mauro)

MAU. Sì, per grazia del cielo.

PAOL. Male, signora, male. (a donna Florida)

FLO. Bene, anzi benissimo.

PAOL. Voi, avendo ciò fatto dopo la mia venuta, farete credere d'averlo licenziato per mia cagione. Signori, protesto dinanzi a lei, che per donna Florida ho il rispetto che devesi ad una dama, ma niente più.

FLO. (Dite il vero, signore?) (piano a don Paoluccio)

PAOL. (Arguite da ciò, se vi son vero amico). (piano a donna Florida)

FLO. (Non capisco niente). (da sé)

. Prima che di qua si parta, vuole don Gasparo che si complimenti don Ciccio, come egli merita; e l'idea non può essere più graziosa. Vado, per meglio intendere la condotta di certa baia che gli si prepara. Donna Lavinia, assicuratevi che la mia costanza di animo non può mancare; che se mi è vietato il difendermi, spero però di essere conosciuto; che cento donne mi vedranno far il galante d'intorno a loro, ma una sola è la dama ch'io venero, una sola avrà il mio cuore divoto, la mia servitù, la mia sincera amicizia. (Le parole a lei, ed il cuore a voi; questa è la vera foggia di mantenere la fede in segreto). (piano a donna Florida, e parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License