Carlo Goldoni
L'incognita

ATTO PRIMO

SCENA QUINDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINDICESIMA

 

Lelio con spada alla mano, ed i suddetti.

 

LEL. Indietro, canaglia, indietro. (colla spada incalza gli uomini)

ARL. (Salva, salva; anderò dal master della posta, e se no ghe posso portar la donna, ghe porterò sto viglietto). (fuggendo)

ROS. (Ahi, destino crudele!) (da sé)

LEL. Siete pur giunta nelle mie mani. (prendendola per la mano)

ROS. Lasciatemi, per pietà.

LEL. Che lasciarvi? Venite meco.

ROS. Ah no, lasciatemi.

LEL. Prima di lasciar voi, lascierò la vita.

ROS. Oh Dio! Dove mi conducete?

LEL. In luogo di sicurezza. Andiamo. (la tira per forza)

ROS. Ahi, ahi!

LEL. Vieni, vieni, ragazza. Dopo avere gridato un poco, ti placherai. (parte con Rosaura)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License