Carlo Goldoni
L'incognita

ATTO PRIMO

SCENA DICIANNOVESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIANNOVESIMA

 

Camera d’osteria.

 

Lelio e Rosaura.

 

LEL. Via, non piangete. Siete con un galantuomo, con un uomo che vi vorrà sempre bene.

ROS. Sono con uno che mi vuol morta.

LEL. No, cara, vi voglio viva, e non morta.

ROS. Ditemi, per pietà, dove siamo?

LEL. Oh sì, in questo vi appagherò. Noi siamo in una camera dell’osteria della Posta.

ROS. Oh Dio! Una giovine onesta sopra d’un’osteria? E voi, signore, fate così poco conto dell’onor mio?

LEL. Cara Rosaura, vi vuol pazienza. Siamo in una terra. Qui è impossibile ritrovar una casa che vi ricoveri.

ROS. Che cosa volete far voi di me?

LEL. Sposarvi.

ROS. Sposarmi in un luogo così indecente?

LEL. Questa è una cosa che si può far da per tutto.

ROS. No, signor Lelio, non sarà mai.

LEL. Giuro al cielo, siete nelle mie mani.

ROS. Mi sposerete per forza?

LEL. Perché no?

ROS. Un tal matrimonio sarebbe nullo.

LEL. Bene, lasciate ch’io vi sposi, e poi annullatelo, se non vi torna comodo.

ROS. Le vostre parole mostrano di volermi in ogni modo infelice; ma io vi replico che follemente sperate...

LEL. Che follemente? Tu sei una scioccherella, non sei degna dell’amor mio, e se ho pensato sinora a farti mia per affetto, ora lo faccio per punire la tua baldanza. (Proverò a spaventarla). (da sé)

ROS. In ogni guisa mi sono orribili le vostre passioni, e sono pronta a morire prima di permettere che vi accostiate.

LEL. Quand’è così, morite, se vi l’animo, e contrastatemi il possesso della vostra bellezza. (s’avanza per afferrarla)

ROS. Cieli, aiuto, pietà!

LEL. Ora siete nelle mie mani.

ROS. Oimè! (cade svenuta)

LEL. Eccola svenuta. Ora che devo fare? Una donna svenuta è lo stesso come se fosse morta. Che voglio io imperversare coi morti, o coi mezzi morti? Bisogna pensare a farla rinvenire, se si può. Chiamerò l’oste, e qualche soccorso mi presterà. (apre la porta)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License