Carlo Goldoni
L'incognita

ATTO PRIMO

SCENA VENTIDUESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA VENTIDUESIMA

 

Il mastro di posta, Arlecchino e Rosaura.

 

MAST. (È questa la donna di cui parlate?) (ad Arlecchino)

ARL. (Sior sì, l’è questa).

ROS. (Costui è il servo della signora Beatrice). (da sé, osservando Arlecchino)

MAST. (Dite alla padrona che sarà servita. Ho letto il viglietto, ho trovato dentro il denaro. Il calesse è pronto. Ditele che fra un quarto d’ora la giovane sarà partita). (ad Arlecchino)

ARL. (Benissimo).

ROS. (Che dicono mai fra di loro? Mi trema il cuore). (da sé)

ARL. Siora incognita reverita, ghe son servitor. La fazza bon viazo, la me voia ben, e ghe baso milan. (parte)

MAST. Favorisca, signora, resti servita.

ROS. Dove?

MAST. Qui non istà bene.

ROS. Ma dove mi volete condurre?

MAST. In un luogo dove starà meglio.

ROS. Deh, per pietà...

MAST. Meno ciarle; io non ho tempo da perdere.

ROS. Andiamo; andiamo a morire. (parte col Mastro di posta)



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License