Carlo Goldoni
L'incognita

ATTO TERZO

SCENA TERZA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Arlecchino con lanterna accesa.

 

ARL. Sia maledetto sto servir zente matta. Se pol dar de sta me patrona, che la vol per forza che vada a stora a trovar Florindo? E tolì, per causa soa son andà squasi in preson. L’è che semo amici coi sbirri, da resto i me cuccava senz’alter. Sarà mèi che fazza quel che m’ha dit el barisello, e che chiappa sti quattro paoli, e se la patrona vol aspettar, che l’aspetta. Za non ho da far alter che zirar qua intorno, e se vien zente, avvisarlo. Oh, sto mestier el me pias più del servir. Quattro paoli vadagnadi senza fadiga? Mo l’è la più bella cossa del mondo. (in questo punto si sentono delle schioppettate) Oh poveretto mi! Coss’è sto negozio? Oimè, presto, dove me nascondio? Anderò in sta capanna. (i due armati escono con lo schioppo, e fanno il chi va ) Aiuto, son morto. Salva, salva. (fugge via)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License