Carlo Goldoni
L'incognita

ATTO TERZO

SCENA UNDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Rosaura e la suddetta.

 

ROS. (Oimè! in luogo del marito trovo la moglie!) (da sé)

BEAT. Accostatevi, Rosaura mia, e non temete. Finalmente ho scoperto che siete una saggia ed onesta giovine, ho risaputo l’esser vostro, ho pietà delle vostre disavventure, e sono disposta a far tutto per rendervi consolata.

ROS. Signora, il cielo rimuneri la vostra pietà. Ma ditemi, se il ciel vi salvi, dov’è mio padre?

BEAT. Vostro padre non è molto di qui lontano, e se bramate vederlo, vi farò scortare dov’egli presentemente si trova.

ROS. Non mi potete fare grazia maggior di questa.

BEAT. Come avete fatto a liberarvi dalle mani di Lelio?

ROS. Oh Dio! Non lo so. Guidommi al bosco, mi chiuse in una capanna. Colà per prodigio vi ritrovai Colombina; ella mi fu levata, rimasi sola; trovai il vostro servo... Signora, sono agitata a segno che non so nemmeno s’io viva.

BEAT. Povera sventurata! Ditemi, avete più veduto Florindo?

ROS. Ah, non mi parlate di lui.

BEAT. Lo vedreste voi volentieri?

ROS. Oh Dio! Non mi tormentate.

BEAT. (Così potessi levarti il cuore). (da sé)

ROS. Per pietà, mandatemi dal mio genitore.

BEAT. Florindo sarà poi vostro sposo?

ROS. Sarà di me tutto quello che è scritto lassù nel cielo.

BEAT. (No, non sarà scritto che tu sia sposa di lui). (da sé) Via, rasserenatevi; se non potete esser lieta colla vista del vostro amante, lo sarete con quella del vostro genitore. Ehi, Arlecchino.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License