Carlo Goldoni
L'incognita

ATTO TERZO

SCENA DODICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Arlecchino e le suddette.

 

ARL. Signora.

BEAT. Condurrai questa giovine a quella casa, ove trovasi il di lei padre.

ARL. Ma dov’èla sta casa?

BEAT. Sciocco, non lo sai?

ARL. No me l’arricordo.

BEAT. Nel venir che facesti a questa volta, non vedesti tu entrare un uomo solo in una casa?

ARL. È vero.

BEAT. Bene, colà devi condur Rosaura.

ARL. donca sta so pader?

BEAT. Sì, sta suo padre.

ARL. (Bisogna che la sia fiola de Pantalon e sorella de Lelio). (da sé) Siora sì, la condurrò .

ROS. Oh Dio! Che non errasse il vostro servo.

BEAT. Non può errare. Avverti non isbagliare la casa.

ARL. Non èla dove sta quel vecchio?

BEAT. Sì, per l’appunto.

ARL. Quel vecchio forestier?

BEAT. Sì, quel vecchio è suo padre.

ARL. (Oh bella! L’è fiola de Pantalon!) (da sé) Andemo, andemo, che ve menerò da vostro pader.

ROS. Lo conoscete voi?

ARL. Oh, se lo cognosso. Chi diavol averia dito che quel fosse vostro pader?

ROS. Né io certamente l’avrei creduto.

ARL. Via, via, andemo.

BEAT. (Senti. M’intendesti. Alla casa di Lelio). (piano ad Arlecchino)

ARL. (Sì, ho inteso. In casa de so pader). (a Beatrice)

BEAT. (E fa che passi nelle mani di Lelio).

ARL. (Sì, de so fradello).

BEAT. (Che dici?)

ARL. (Ho inteso tutto). Son a servirla. (a Rosaura)

ROS. (Il cuore mi presagisce qualche nuova sventura). (da sé)

BEAT. Via, andate. (a Rosaura)

ROS. Ah signora, non mi tradite.

BEAT. Mi maraviglio di voi. Così parlate a una donna che vi soccorre?

ROS. Perdonate; andiamo. (ad Arlecchino)

ARL. Son qua. Sta notte fazzo el menador. (parte con Rosaura)

BEAT. Se Arlecchino non mi tradisce per ignoranza, Rosaura torna in mano di Lelio, e Florindo rimane un’altra volta deluso. Più di lui non mi curo. Domani partirò per non più rivederlo; ma partirò contenta, se partirò vendicata. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License