Carlo Goldoni
L'incognita

ATTO TERZO

SCENA DICIASSETTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIASSETTESIMA

 

Pantalone e detti. Pantalone butta giù la porta segreta, ed entra con lume e pistolese.

 

PANT. Férmete, desgrazià.

LEL. (Ah maledetta porta! Come diavolo l’ha egli gettata a bassofacilmente?) (da sé)

PANT. Tocco de furbazzo! T’ho trovà sul fatto. Xe un pezzo che so che ti te diletti de menar donne in sta camera. Cossa fastu de quella povera putta?

LEL. Ma chi diavolo ha detto a voi che io era qui?

PANT. Colombina me l’ha dito. Sì, Colombina m’ha trovà a tola, che magnava la mia panada.

LEL. Orsù, signor padre, io non sono quel perfido che voi pensate. Questa giovine io la desidero in moglie. Fino che ella era un’incognita, voi potevate negarmela con ragione; ma ora che si è scoperta essere la figlia del conte Ernesto dell’Isola, spero che mi procurerete una sì buona fortuna.

PANT. Cossa disela, siora, lo vorla mio fio? (a Rosaura)

ROS. No certamente, e prima morirò che sposarlo.

PANT. Sentistu? (a Lelio)

LEL. Via, pregatela, ditele delle buone parole.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License