Carlo Goldoni
I mercatanti

ATTO SECONDO

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Corallina in zendale, e detti.

 

COR. Oh signor padrone...

PANC. Che fate a quest'ora fuori di casa?

COR. Veniva in cerca di lei.

PANC. V'è qualche novità?

COR. Ho premura di dirle una cosa.

PANC. Per parte di chi?

COR. Per parte mia.

PANC. E non potete aspettare a parlarmi a casa?

COR. Vorrei che mi restituiste i miei cento e cinquanta ducati.

PANC. Per qual ragione? Non vi pago il vostro pro puntuale?

COR. Compatitemi, non ve li lascio, se non mi date il dieci per cento.

PANC. Il dieci per cento? Con chi credete parlare? Chi vi ha posto in capo simile bestialità.

COR. Ho trovato chi me lo .

PANC. Chi è questo disperato, che vi vuol dare il dieci per cento?

COR. Non posso dirlo, signore.

FACC. Glielo dirò io: è il signor Giacinto, suo degnissimo figlio.

PANC. Mio figlio?

FACC. Signor sì, e tempo fa Corallina medesima ne ha dati a lui altri cento e cinquanta al medesimo prezzo.

PANC. Oh povero me! Sempre peggio.

COR. Come diavolo l'avete saputo? (a Faccenda)

PANC. Disgraziata! Vai a dar denari a mio figlio? Ancor tu per avarizia procuri il precipizio della mia casa? Ma senti, questa volta il male cade sopra di te. I tuoi denari li hai perduti: te li ha mangiati, pazza, senza cervello che sei. Tuo danno: maledetto interesse! Ed io misero ho da soffrire il danno e la vergogna! Ah figlio sciagurato! Maledetto giuoco! Questo me l'ha rovinato, me lo ha precipitato. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License