Carlo Goldoni
I mercatanti

ATTO TERZO

SCENA TERZA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Faccenda e detti.

 

FACC. Si può venire? (di dentro)

RAIN. Che vuoi?

FACC. Perdoni; il mio padrone... La padroncina? Compatisca...

BEAT. Che cosa vorresti dire?

FACC. Niente, signora...

RAIN. Che vuoi?

FACC. Il mio padrone desidera parlare a V.S., se si può... (parlando a Beatrice)

RAIN. Dove vi è la figliuola, può venire il padre liberamente.

FACC. Benissimo. (parte)

BEAT. Signore, io partirò. (si alza)

RAIN. Potete restare.

BEAT. Non ho per mio padre così poco rispetto.

RAIN. (Buona figliuola). (da sé)

BEAT. Vi prego non interpretare sinistramente le mie parole.

RAIN. Io non penso male di chi mi fa l'onore di amarmi.

BEAT. Io non ho detto di amarvi.

RAIN. Ma lo capisco...

BEAT. Ecco mio padre. Vi sono serva.

RAIN. Vostro servitore, madamigella.

BEAT. (Ah fortuna, non m'ingannare). (da sé, parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License