Carlo Goldoni
I mercatanti

ATTO TERZO

SCENA UNDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Pancrazio, poi monsieur Rainmere con un uomo che porta un sacchetto in ispalla.

 

PANC. Ha un uomo con lui. Chi mai è?

RAIN. Metti . (l'uomo pone il sacchetto sul tavolo)

PANC. Monsieur Rainmere. (con allegrezza)

RAIN. Quelli sono seimila ducati.

PANC. Seimila?...

RAIN. E quattromila val questa lettera. (gli un foglio)

PANC. Che siate benedetto! Lasciate che vi dia un bacio.

RAIN. Bene obbligato. (si danno i due soliti baci)

PANC. Voi mi date la vita, mi date lo spirito, mi rinnovate il sangue, che dalle mie disgrazie principiava a guastarsi.

RAIN. Fatemi la lettera di cambio, tempo due anni, coll'interesse ad uso di piazza.

PANC. Subito ve la faccio.

RAIN. L'ho fatta io, sottoscrivetela. (gli una carta)

PANC. Subito. (vuol sottoscriverla)

RAIN. Leggetela. Non si negozia così.

PANC. Di voi mi fido.

RAIN. Tutti gli uomini possono far errore.

PANC. Va benissimo, e la sottoscrivo. (sottoscrive) Prendete, che siate mille volte benedetto.

RAIN. Voi mi dovete settecento ducati.

PANC. È vero.

RAIN. E vostro figliuolo mi deve cento zecchini.

PANC. Verissimo.

RAIN. Per queste due partite mi dovete considerare creditor come gli altri.

PANC. E vi pagherò prima di tutti.

RAIN. E poi so il mio dovere per l'incomodo di quattro mesi.

PANC. Mi maraviglio. Vi ho da dare una buona nuova.

RAIN. Consolatemi.

PANC. Mio figlio è pentito d'ogni cosa. Piange, sospira, mi dimanda perdono.

RAIN. Gli credete?

PANC. Si voleva fino ammazzare.

RAIN. Voglia il cielo che il suo pentimento non sia una disperazione.

PANC. Caro monsieur Rainmere, sono a pregarvi di un'altra grazia. Ora lo manderò da voi a chiedere scusa del suo mal procedere, a fare un atto del suo dovere. Accettatelo, ascoltatelo e perdonategli per amor mio.

RAIN. Se sarà pentito davvero, l'amerò come amo suo padre.

PANC. Ora lo sentirete. Se vi contentate, prendo questi denari, e vado a pagare i creditori che mi tormentano.

RAIN. Voi siete il padrone.

PANC. E vi porterò il vostro avere.

RAIN. Non ne dubito.

PANC. Io non posso portare un tal peso. Ehi, chi è di ?

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License