Carlo Goldoni
La moglie saggia

ATTO PRIMO

SCENA DECIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Camera della contessa Rosaura con lumi.

 

La contessa Rosaura con un libro in mano, poi Corallina

 

ROS. Ah! pazienza. (siede, e legge)

COR. Signora padrona, avete sentite le ore?

ROS. Sì, le ho sentite.

COR. Quattr’ore, e il padrone non si vede.

ROS. Non è tardi, verrà.

COR. Sì, sì, verrà. Volete andare a cena?

ROS. No, aspettiamolo.

COR. Eh, il signor Conte avrà cenato.

ROS. Dove?

COR. Oh bella! Dalla signora Marchesa.

ROS. Credi tu che ci vada frequentemente dalla marchesa Beatrice?

COR. Io credo che vi sia a tutte le ore.

ROS. Come lo puoi tu credere?

COR. Domandatelo a Brighella mio marito, e lo saprete.

ROS. Ah pazienza! (si mette a leggere)

COR. Eh signora padrona, siete troppo buona.

ROS. Ma che vorresti tu ch’io facessi?

COR. Dite l’animo vostro.

ROS. Il Conte va in collera per niente, lo sai pure.

COR. E per questo avete paura?

ROS. Quando va in bestia, mi fa tremare.

COR. Oh, s’egli avesse a fare con me, non mi lascerei metter i piedi sul collo. S’egli alzasse la voce tre tuoni, ed io sei. S’egli alzasse le mani, ed io più alte di lui. Brighella mio marito fa a mio modo, e di me ha qualche soggezione; per altro starebbe fresco. Oh, s’egli avesse un’amicizia fissa, come il signor padrone, la vorressimo veder bella.

ROS. Orsù, bada a te, e lasciami leggere.

COR. Leggete, non parlo più. Compatitemi, signora padrona, parlo per amore, e non so quel ch’io mi dica.

ROS. Se mi vuoi bene, non mi parlare di certe cose.

COR. È stato picchiato.

ROS. Va a vedere chi è.

COR. Subito. (Così le vorrebbero le mogli gli uomini vagabondi. Essi a spasso, e la moglie a casa). (da sé, parte)

ROS. Ma! In due anni ch’io sono moglie del Conte, non ho mai avuto un giorno di bene. Mio padre ha voluto sagrificarmi. Pazienza. (Corallina ritorna)

COR. Signora, il signor Lelio ed il signor Florindo vorrebbero riverirvi.

ROS. Questa non è ora di visite. Di’ loro che non vi è mio marito.

COR. Lo sanno che non vi è. Dicono che hanno qualche cosa da dirvi.

ROS. Oimè! Non vorrei che fosse accaduta qualche disgrazia a mio marito. Fa che passino.

COR. (Tant’è: e più che il marito la maltratta, più gli vuol bene). (da sé, parte)

ROS. Una visita a quest’ora non dovrebbe essere senza motivo. Mi trema il cuore.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License