Carlo Goldoni
La moglie saggia

ATTO PRIMO

SCENA VENTUNESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA VENTUNESIMA

 

Rosaura e Brighella

 

ROS. Ehi, Brighella. (sottovoce)

BRIGH. Lustrissima.

ROS. Di’ piano. È a letto il padrone?

BRIGH. L’è andà in camera giusto adesso.

ROS. Oh, che non mi vedesse!

BRIGH. No gh’è pericolo: perché el letto l’è dentro in quell’altra stanza. L’aspetta. (va a vedere dal buco della chiave) L’ha serrà, no se vede più el lume.

ROS. Ha detto niente di me?

BRIGH. Gnente.

ROS. (Pazienza!) (da sé) Dove siete stati iera sera?

BRIGH. Dalla signora marchesa Beatrice.

ROS. Ha cenato mio marito?

BRIGH. Signora sì. I ha cenà, i è stadi allegri. Ghera el signor Lelio e il signor Florindo; ma védela? I è andadi via presto lori, e l’è restà el padron colla signora Marchesa; capissela?

ROS. Bene. Avranno giuocato.

BRIGH. Eh signora... altro che zogar!... Basta...

ROS. Via, voi altri sempre pensate al male. Vergogna! Un cavaliere con una dama, impegnato nel giuoco, non deve piantarla.

BRIGH. Mi no so se i zoga, o cossa che i fazza, ma se la volesse saver quel che passa tra de lori, mi ghaveria la maniera.

ROS. Come?

BRIGH. El padron za un poco el m’ha sto biglietto da portar domattina a bonora alla signora Marchesa; el bollin l’è ancora fresco; se la volesse, la se poderia soddisfar.

ROS. (Costui mi tenta). (da sé)

BRIGH. So che fazzo una mala azion verso el me padron; ma gh’ho tanta compassion del so stato, lustrissima padrona, che me faria impiccar per vederla quieta e contenta.

ROS. Ti ringrazio dell’amor tuo, ma non acconsento che tu tradisca il padrone. Fa il tuo dovere. Obbedisci chi ti il pane. Siccome giudico onesta l’amicizia di mio marito colla Marchesa, non ho curiosità di vedere il loro carteggio.

BRIGH. E pur, signora...

ROS. Vattene. Pensa meglio a te stesso, e impara a non formar giudizi del tuo padrone.

BRIGH. Basta... la perdoni... (No ghe digo più gnente. Vado... Ma dove? In letto per sta notte mia muier no me cucca(6)). (da sé, parte)

ROS. Sarebbe stata imprudenza aprir quel biglietto. Avrei accreditati i sospetti del servitore; gli avrei dato cattivo esempio, e avrei forse trovati dei nuovi motivi di rattristarmi. Bastami essere assicurata che l’amicizia continua, e si rende più frequente e impegnata. Studierò qualche via ragionevole e onesta per rimediarvi. Farò tutto il possibile, prima di distaccarmi da mio marito. Amo la sua riputazione egualmente come la mia. Il cielo mi assisterà. Il cielo non abbandona chi in lui sinceramente confida.






p. -
6 Non mi piglia.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License