Carlo Goldoni
La moglie saggia

ATTO SECONDO

SCENA SECONDA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Brighella e detto.

 

BRIGH. Paesan, ho trovà la porta averta, e mi son vegnudo innanzi.

ARL. Ti ha fatto ben. Subito che son levà, averzo la porta, perché tra visite e ambassade, se no la fusse averta, ghe vorria un battaor al zorno.

BRIGH. Anca mi gh’ho un’ambassada da far alla vostra padrona.

ARL. A bonora, per el fresco.

BRIGH. El me padron m’ha sta lettera da portarghe.

ARL. Magnemio gnente su sto negozio?

BRIGH. Gnente affatto. Ti sa che al mio padron no ghe casca gnente.

ARL. Prego el cielo che ghe casca qualcossa.

BRIGH. Cossa mo?

ARL. La testa.

BRIGH. Perché tanto mal?

ARL. Perché el fa deventar matta la me patrona.

BRIGH. L’è la to padrona, che fa deventar matto el me padron.

ARL. Via, giustemola; concludemo che i è matti tutti do.

BRIGH. Bravo, ti m’ha gusto da galantomo. Quando bevemio un altro boccaletto de quel vin de iersera?

ARL. A casa ti ghe ne beverà quanto che ti vuol.

BRIGH. Oibò; no ghe n’avemo nu de quel vin.

ARL. E sì alla me patrona ghe l’ha mandà el to patron.

BRIGH. Sì, el meggio a ela, e a casa se beve el vin mezzo guasto.

ARL. No fazzo per dir, perché mi no son de quei servitori che parla; ma el gh’ha mandà un fornimento de merli sulla giusta(7).

BRIGH. E la mia padrona, poverazza, l’è tanto che la ghe n’ha bisogno, che l’ho sentida mi a pregarlo che el ghe li compra; e inveze de darli alla muier, el li porta qua... Le son de quelle cosse, che me faria dir... Ma dei padroni no vôi mormorar.

ARL. Ti fa ben, veh. Anca mi vedo e taso. L’altro zorno la me patrona l’ha perso vinti zecchini, e el to patron ghe li ha imprestadi; ma no gh’è dubbio che mi diga gnente.

BRIGH. Come mi, che so che el padron ha impegnà le zoggie della muggier, senza che ela lo sappia, e nol diria a nissun, se i me dasse la corda.

ARL. Oh, la secretezza l’è una bella cossa!

BRIGH. El nostro mazor capital l’è la fedeltà.

ARL. E cussì, vot darghe la lettera alla patrona?

BRIGH. Ridi, che l’è da rider; no me recordava più della lettera.

ARL. Anca mi, quando son coi amici, me scordo tutto. Dame la lettera, che ghe la porterò.

BRIGH. No; bisogna che ghe la daga mi in proprie man.

ARL. At paura che mi?...

BRIGH. No, caro paesan. El me padron vol cussì.

ARL. Anderò a veder se se pol, ma ho paura.

BRIGH. Perché?

ARL. Perché l’è drio adesso a menar la man.

BRIGH. A scriver fursi? A metter el negro sul bianco?

ARL. No; a metter el bianco su negro. (fa cenno che si belletta, e parte)

 

 

 





p. -
7 De pizzi bellissimi.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License