Carlo Goldoni
La moglie saggia

ATTO SECONDO

SCENA TERZA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Brighella, poi Arlecchino

 

BRIGH. Ma! L’è cussì; le donne le ha sta bella felicità che se le son brutte, le se fa belle. No so cossa dir; le compatisso; anca a mi me piaseria una bella donna, bella naturalmente; ma se avesse da scieglier tra una brutta natural e una bella depenta, torria sempre una bellezza artifizial, più tosto che una bruttezza che stomega.

ARL. L’è qua che la vien.

BRIGH. Gh’at dito che gh’ho la lettera?

ARL. Siguro. E se non era per la lettera, no la vegniva.

BRIGH. L’è la calamita, che tira.

ARL. Ma l’è una gran calamita rabbiosa; i grida sempre.

BRIGH. Eh, qualche volta po i farà pase.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License