Carlo Goldoni
La moglie saggia

ATTO SECONDO

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Camera in casa del conte Ottavio.

 

Corallina e Pantalone

 

COR. No, signore, non è in casa.

PANT. Dove xela andada?

COR. Non lo so in verità.

PANT. Con chi xela andada?

COR. Col suo bracciere e con i suoi servitori.

PANT. Xe un pezzo?

COR. Un’ora in circa.

PANT. Credeu che la possa star un pezzo a vegnir?

COR. Non lo so in verità.

PANT. Ma dove mai porla esser andada?

COR. Bisogna dire che abbia avuta una gran premura. Non esce mai.

PANT. So mario l’alo vista? Salo che la xe fora de casa?

COR. Egli è partito due ore prima. Non credo che lo sappia.

PANT. Elo andà via senza saludarla?

COR. Oh, si sa.

PANT. E ela no la xe andada a trovarlo?

COR. Voleva andare, ma egli ha tenuta la porta serrata.

PANT. Boazzo8! Cossa disevela mia fia?

COR. Sospirava.

PANT. Poverazza! (si asciuga gli occhi) Diseme, ghe falo mai nissuna finezza?

COR. Non la guarda mai.

PANT. Aseno! E ela ghe vala intorno, ghe fala carezze?

COR. Lo guarda sott’occhio, e piange.

PANT. Povera creatura! (con qualche lagrima) Ghe crielo9?

COR. Sempre le mangia gli occhi.

PANT. Ah can! E ela?

COR. Tace, e sospira.

PANT. Siestu benedetta! (piangendo)

COR. È tanto buona!

PANT. Me schioppa10 el cuor.

 

 

 





p. -
8 Somaraccio.



9 La sgrida?



10 Scoppia, crepa.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License