Carlo Goldoni
La moglie saggia

ATTO SECONDO

SCENA DODICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Brighella, poi Corallina

 

BRIGH. Mi resto attonito, resto maraveià! Coss’è ste cosse? Che casa è questa? Dove ha d’andar a fenir ste smanie, sti gridori, ste male grazie? E per cossa grìdeli? E per cossa se dali al diavolo? Per una donna. Oh, donne, donne! Basta, anca mi per una donna g’ho la mia parte de casa del diavolo. Se la fusse una morosa, la manderia a far squartar, ma l’è muier, e bisogna soffrirla e bisogna che me la goda. Vela qua, vela qua, che la me vien a favorir.

COR. Signor consorte, le son serva.

BRIGH. Padrona mia riverita.

COR. Posso aver l’onore di dirle una parola?

BRIGH. Son qua, la comandi.

COR. Vedo che la mi sfugge, che la si nasconde, e da ieri sera in qua non ho l’onore di riverirla.

BRIGH. Son stà impedio per el padron...

COR. Anche la notte per il padrone?

BRIGH. Anca la notte.

COR. So però che ella ha dormito sopra una sedia.

BRIGH. Eh! un pochetto.

COR. Non ha favorito di venire a letto.

BRIGH. Ho fatto per non incomodarla.

COR. L’hai fatto perché tu sei una bestia.

BRIGH. (Dal lei semo sbalzadi al tu, senza passar per il voi). (da sé)

COR. Che cosa avevi paura, che non ci sei venuto?

BRIGH. (Se fusse stà minchion a andarghe). (da sé)

COR. Sai ciò che meriti, e per questo hai avuto timore.

BRIGH. (Mi no ghe rispondo certo). (da sé)

COR. Asinaccio!

BRIGH. (La se comodi).

COR. Dormir sopra una sedia? Lasciar sola la moglie? Maledetto!

BRIGH. (El ghe despiase un pochetto quel dormir sola).

COR. Bell’amore, bella carità!

BRIGH. (Oh, adesso che el so, ho imparà a castigarla).

COR. Se me la fai un’altra volta, meschino te.

BRIGH. (Oh, se te la fazzo).

COR. Ma bestia maledetta, almeno rispondi.

BRIGH. Parlela con mi?

COR. Sì, con te, disgraziato. Mi hai fatto fare una notte da bestia.

BRIGH. Me despiase in verità.

COR. Stassera voglio ricattarmi. Voglio andare a letto a due ore di notte.

BRIGH. Comodeve.

COR. E ci hai da venire ancor tu.

BRIGH. Oh, mi ho da servir el padron.

COR. Fingiti ammalato. (con più dolcezza)

BRIGH. Oh! figurarse!

COR. Eh via. (come sopra)

BRIGH. No certo.

COR. Caro Brighella. (amorosa)

BRIGH. Ma andè in letto quando volì, cossa v’importa de mi?

COR. Sola non posso addormentarmi.

BRIGH. Oh bella! Ve despiase star sola, e po me trattè cussì pulito?

COR. Che cosa ti ho fatto? Che cosa ti ho detto? Tu mi hai strapazzata, tu mi hai provocata, tu sei una bestia. (irata)

BRIGH. Orsù, dormo sulla carega.

COR. Via, via, ho burlato, sei il mio caro marito.

BRIGH. (Oh, sta medesina no la lasso più). (da sé)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License