Carlo Goldoni
La moglie saggia

ATTO SECONDO

SCENA TREDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Arlecchino e detti.

 

ARL. Oh de casa, gh’è nissun? (di dentro)

COR. Chi è costui?

BRIGH. Un me amigo...

COR. Voglio saper chi è.

BRIGH. Lassè, che anderò mi... (a Corallina)

COR. Come? Voglio sapere chi è, e voglio sentire ancor io.

BRIGH. L’è un servitor della marchesa Beatrice.

COR. Che cosa vuole?

BRIGH. Adesso anderò a sentir.

COR. Signor no. Fallo venir qui. Voglio sentir ancor io.

BRIGH. (Oh che pazienza!) (da sé) Vegnì avanti, compare Arlecchin.

ARL. Bondì, paesan. (esce)

BRIGH. Te saludo. Cossa gh’è da novo?

ARL. Chi è sta bella maschiotta? (verso Corallina)

BRIGH. No ti la cognossi? Me muier.

ARL. To muier?

BRIGH. Sì, me muier.

ARL. L’è so muier? (a Corallina)

COR. Signor sì, sua moglie.

ARL. Sia maledetto!

BRIGH. Cossa gh’è?

ARL. Me despiase.

COR. Perché vi dispiace?

ARL. Me despiase non averlo savudo prima.

BRIGH. Mo perché?

ARL. Perché saria vegnù a farghe conversazion, a servirla de cicisbeo.

COR. Io non ho bisogno di voi.

ARL. Grazie infinite. Padrona de tutto. (con ironia)

BRIGH. Caro paesan, un omo curioso.

ARL. La saria bella; semo paesani: avemo la patria in comun, podemo aver in comun anca la muier.

COR. Orsù, che cosa siete venuto a far qui, padron mio?

ARL. A reverirla devotamente.

COR. E non altro?

ARL. E anca qualcossa altro. Ghelo el to patron? (a Brighella)

BRIGH. El gh’è, ma l’è sulle furie; no se ghe pol parlar.

ARL. Averia da farghe un’imbassada.

BRIGH. Per parte de chi?

ARL. Per parte della me patrona.

COR. (Oh che caro mezzano!) (da sé)

BRIGH. Dimel a mi, che vedrò se ghe posso parlar.

ARL. Senti. Con grazia, patrona bella. (a Corallina, tirando Brighella in disparte) (La me patrona me manda a dir al to patron, che sta mattina... Ma no, prima che la lo reverisse). (piano a Brighella)

BRIGH. Za el se ghintende.

COR. Con sua licenza, voglio sentire ancor io. (s’accosta)

ARL. Padrona, la se comoda. Me manda la me patrona...

COR. La signora Marchesa?

ARL. La signora Marchesa, a reverir el sior Conte.

COR. Il signor Conte, non la signora Contessa?

ARL. Il signor Conte, non la signora Contessa. E la ghe manda a dir... (verso Brighella)

COR. Parlate con me.

ARL. E la ghe manda a dir che sta mattina...

COR. Brighella, senti. (Va a dire alla padrona segretamente, che venga qui). (piano a Brighella)

BRIGH. (Ma se no la vol...) (a Corallina)

COR. (Va , fa a mio modo). (come sopra)

BRIGH. (No la vol sentir...)

COR. (Va, che ti caschi la testa).

BRIGH. (Guarda ben, che dormirò sulla carega).

COR. (Via, caro marito, fammi questo piacere, va a chiamar la padrona).

BRIGH. Ti me lo disi colle bone, anderò. (Oh che bel segreto!) (da sé, parte)

ARL. La favorissa, dove ala imparà la creanza?

COR. Compatite. Son qui da voi. Ho mandato mio marito a chiamar il padrone.

ARL. Brava; così farò a lu l’ambassada.

COR. Ma ditemi. Che cosa vuole la signora Marchesa dal mio padrone?

ARL. La ghe vol parlar.

COR. Viene spesso il signor Conte a ritrovarla?

ARL. Oh! spesso.

COR. E Brighella viene con lui?

ARL. Seguro.

COR. In casa vostra starete allegri, vi saranno delle belle cameriere.

ARL. Ghe n’è una, che no l’è el diavolo.

COR. (Ah maledetto! Per questo va volentieri). (da sé)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License