Carlo Goldoni
La moglie saggia

ATTO TERZO

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Corallina e detti.

 

COR. Signori, è qui la signora marchesa Beatrice col signor Lelio e il signor Florindo.

OTT. Vadano al diavolo.

PANT. Bravo! Che i vaga al diavolo.

OTT. Ma no, di’ loro che passino.

PANT. (Tolè, semo da capo). (da sé)

OTT. Rosaura, non dubitate. Il tempo è opportuno per una forte risoluzione.

ROS. Mi fido della vostra virtù.

COR. Che passino?

OTT. Sì, t’ho detto.

ROS. Porta la limonata nella mia camera; e avverti non me la tocchino.

COR. Oh non dubiti! Nessuno ha mai toccato la roba sua. (ritira il tavolino indietro)

OTT. (Perché non farla gettare?) (a Rosaura)

ROS. (Lo farò senza dar sospetto). (ad Ottavio)

COR. (L’ampolla la lascio per ora; la prenderò poi. Ho d’andar a rispondere a quei signori coll’ampolla in mano?) (da sé, e parte)

OTT. Rosaura, ritiratevi con vostro padre.

PANT. (No lo lassar solo con culìa). (piano a Rosaura)

ROS. Vi ubbidisco. Andiamo.

PANT. (La lo farà zo). (come sopra)

ROS. Seguitatemi, se mi amate. (a Pantalone)

PANT. (O povera gnocca! Ti vederà). (parte con Rosaura)

OTT. Gli uomini, quando sono arrivati all’estremo dell’iniquità, o devone perire, o devono tornar indietro. Io era già sul punto di precipitare. Il cielo mi ha illuminato. Rosaura mi ha soccorso, la sua virtù mi ha assistito.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License