Carlo Goldoni
La moglie saggia

ATTO TERZO

SCENA TREDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Florindo, il conte Ottavio e detti.

 

OTT. È rinvenuta?

LEL. Sì.

OTT. Che cosa le avete dato?

LEL. Ha bevuto un poco di limonata.

OTT. Che limonata?

LEL. L’abbiamo ritrovata sul tavolino.

OTT. Oimè! Presto un medico. (a Florindo)

FLOR. Perché?

OTT. La Marchesa è avvelenata.

BEAT. Io avvelenata? (s’alza furiosa)

OTT. Sì, presto, soccorretela.

LEL. Ma come?

OTT. In quell’ampolla vi era il veleno.

BEAT. Ah scellerato, a me il veleno?

FLOR. Presto, un medico. (parte)

OTT. Non era preparato per voi. (a Beatrice)

LEL. Ma per chi dunque? (ad Ottavio)

OTT. Ah! Giacché il cielo non vuole che il mio delitto si celi, sì, lo dirò: era preparato il veleno alla mia povera moglie. Voi, signora, ne foste la cagione, e a voi medesima il cielo lo ha destinato.

BEAT. Misera me, son morta. Voi mi avete condotta al sacrifizio. (a Lelio)

LEL. Che cosa sapevo di quest’imbrogli?

OTT. Ah signora Marchesa! Noi abbiamo fatto piangere un’innocente.

BEAT. Ah sì, il cielo mi punisce a ragione.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License