Carlo Goldoni
I puntigli domestici

ATTO PRIMO

SCENA SETTIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Beatrice e Corallina con Pantalone

 

BEAT. Che buona ragazza è costei! È tutta zelo per la sua padrona.

COR. Signora, è qui il signor Pantalone.

PANT. Servitor obbligatissimo a siora contessa, padrona mia stimatissima.

BEAT. Serva, signor Pantalone.

PANT. La perdona se vegno a incomodarla.

BEAT. Mi fa grazia.

COR. Ha saputo, signor Pantalone?

PANT. Cossa, fia?

COR. Brighella ha perso il rispetto alla mia padrona.

BEAT. E il conte Ottavio non lo vuol mandar via. Vi pare questo un tratto da cavaliere?

COR. È una cosa che fa drizzare i capelli.

PANT. Adasio un poco. Siora contessa, cossa gh'ha dito Brighella?

COR. Le ha detto un fascio d'insolenze, una peggio dell'altra.

PANT. Mi no parlo con vu. A ella cossa gh'alo dito? (a Beatrice)

BEAT. Con me non ha parlato. Se avesse avuto ardire di dirmi qualche cosa in faccia, meschino di lui.

PANT. Donca...

COR. Donca, donca... Ha parlato con me.

PANT. E vu quella che ha reportà alla vostra padrona?

COR. La sarebbe bella che io stessi cheta; che sentissi maltrattar la padrona, e non dicessi nulla!

PANT. Vardè che donna de garbo! Vardè che serva piena de zelo e de bontà! Vualtri servitori no fe altro che dir mal dei padroni; vu, siora, con tanta pontualità reportè quel che ha dito i altri, e averè dito pezo de lori.

COR. Io? Mi maraviglio.

PANT. Siora contessa, ghe domando perdon. Mi son omo vecchio, son omo sincero, parlo col cuor in bocca. Me despiase sti desordeni, e spero d'averghe remedià.

BEAT. Avete parlato con mio cognato?

PANT. Gh'ho parlà longamente, e tutto se giusterà.

BEAT. Manderà via Brighella?

PANT. Se nol lo manderà via...

COR. Se non lo manda via, non si aggiusta.

PANT. Tasè, siora, che vu no gh'intrè. Sior conte gh'ha tutta la stima de ella, e ghe despiase che la sia desgustada. A primo intro, sentindose dir da sior conte Lelio, cussì a sangue freddo, de cazzar via un so servitor, gh'ha despiasso un pochetto, e credo che gh'abbia despiasso, perché el ghe l'ha dito con un poco de caldo. A quel servitor el ghe vol piuttosto ben, xe un pezzo che lo gh'ha, ghe despiase a mandarlo via.

BEAT. Dunque non lo vuol licenziare?

PANT. Vederemo...

COR. Se non lo licenzia, non si fa niente.

PANT. La me missia tutto el sangue.

BEAT. Chetati, e lascialo parlare.

PANT. Sior conte Ottavio xe pronto a far che Brighella ghe domanda perdon.

COR. Eh!

PANT. El farà anca che el se cava la livrea...

COR. Eh!

PANT. El vegnirà senza livrea a domandarghe scusa.

COR. Freddure!

PANT. (Debotto no posso più!) (da sé) Se la comanda, el lo farà star tre o quattro zorni fora de casa...

COR. Mi vien da ridere.

PANT. El se raccomanderà a ella, perché la lo fazza tornar a torlo.

COR. Oibò, oibò.

PANT. Coss'è sto oibò? Cossa gh'intreu? Cossa ve storzeu? Siora contessa, la me perdona, no so come che la sopporta un'insolenza de sta sorte.

BEAT. Animo, va via di qua. (a Corallina)

COR. Ma signora...

BEAT. Va via, dico.

COR. La vostra riputazione vuole...

BEAT. Giuro al cielo, sai?

COR. Vado. (Vecchio del diavolo, me la pagherai!) (da sé, parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License