Carlo Goldoni
I puntigli domestici

ATTO PRIMO

SCENA QUATTORDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUATTORDICESIMA

 

Beatrice e Florindo

 

BEAT. Vedrà il signor cognato, se io conto nulla in questa casa. Vedrà chi sono.

FLOR. Servo umilissimo, signora contessa.

BEAT. Serva divota.

FLOR. Dov'è la mia sposa?

BEAT. È ritirata nelle sue camere.

FLOR. Si sente male?

BEAT. Non lo so precisamente; ma la ragazza è confusa.

FLOR. In giorno di tanta allegrezza, donde nasce la sua confusione?

BEAT. Nasce dal non esser contenta.

FLOR. Le manca qualche cosa? Contentiamola.

BEAT. Ma! Queste ragazze parlano tardi.

FLOR. Io non vi capisco.

BEAT. Signor marchese, mi spiace dovervi dire una cosa; ma la mia sincerità vuole che io non la tenga celata. Rosaura non è contenta di queste nozze.

FLOR. Come! Se mi ha ella mostrato di essere contentissima?

BEAT. È ragazza, non ha fermezza. Ora piange, accostandosi l'ora del sacrifizio.

FLOR. Oimè! che ella abbia accesa qualche novella fiamma nel petto?

BEAT. Chi sa? Potrebbe anche darsi.

FLOR. Voi, che siete sua madre, non lo sapete?

BEAT. Io non l'ho sempre alla cintola. Stando alla finestra per voi, può esserle piaciuto qualchedun altro.

FLOR. Dunque, signora, che si ha da fare?

BEAT. Sospendiamo le nozze.

FLOR. Permettetemi che io le parli.

BEAT. Per ora no. Io voglio lasciarla in libertà di pensare.

FLOR. Può darsi che ella più non mi ami?

BEAT. Non è cosa difficile.

FLOR. Rosaura ingrata, Rosaura infida! Così mi lascia, mi tradisce così?

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License